Articoli

Smaltire i rifiuti edili

È molto importante capire come smaltire i rifiuti edili e quali sono, scopriamolo leggendo l’articolo di Eco-ambiente Milano

Smaltire i rifiuti edili

Esiste una porzione significativa di rifiuti edili, che purtroppo molti di questi finiscono in discarica.
Secondo un rapporto, tra il 2008 e il 2009 sono stati generati un totale di 19 milioni di tonnellate di rifiuti edili. Inoltre più di 8 milioni di tonnellate sono stati buttati in una discarica.

Se stai pensando di buttare i materiali edili inutilizzati o rotti, sicuramente ti starai chiedendo cosa fare con i detriti. Non preoccuparti, nonostante sia abbastanza complicato lo smaltimento di rifiuti in generale, esistono alcune opzioni di smaltimento utilizzabili per la gestione dei rifiuti in modo valido e operoso.

Prima di tutto, la prima cosa che devi fare è prenderti del tempo per la pianificazione delle migliori pratiche di riciclo e smaltimento. Trovando magari la miglior soluzione eco-compatibile, rispettando il pianeta.

Alcuni dei vantaggi del riciclaggio sono:

  • Diminuzione della quantità di rifiuti buttati in discariche controllate
  • Diminuzione della quantità di rifiuti che finiscono in discariche abusive (es. campi aperti, frutteti etc.)
  • Beneficio economico derivato da questa attività di riciclaggio.

Smaltire i rifiuti edili: le discariche

L’obiettivo principale è quello di deviare i rifiuti verso la discarica, perché?

Qualsiasi discarica ha sicuramente un impatto negativo oltre che sull’ambiente anche sulla salute delle persone. Inoltre sono una delle prime fonti d’inquinamento eppure non smettono di aumentare giorno dopo giorno.

Questo accade per colpa delle nostre abitudini di consumo. Perché più popolazioni significa più consumi di conseguenza maggiore necessità di discariche dove depositare i nostri rifiuti.

È una soluzione intelligente? Beh, non proprio. Perché come già detto le discariche sono un grave problema ambientale.
Cosa inquinano di preciso? l’aria e l’acqua così come il suolo. Inoltre si distruggono gli ecosistemi per la costruzione di nuove discariche.
Un altro problema non indifferente che causano è che hanno un impatto sulla vegetazione, la fauna e degradano il paesaggio.

Il trasporto associato, invece, genera un forte inquinamento dovuto al consumo di energia inquinante, qual è la soluzione? La cosa più coerente sarebbe ridurre la quantità di rifiuti che raggiungono la discarica. E questo può essere fatto essenzialmente con abitudini di consumo responsabile. E adattandogli anche riutilizzo e riciclo.

Cosa sono i rifiuti da costruzione e demolizione?

Si intendono rifiuti da costruzione e demolizione (ossia rifiuti edili), le sostanze o gli oggetti che soddisfano la definizione di “rifiuto” generato in:

  • La costruzione, riparazione, riforma o demolizione di un immobile come ad esempio un edificio, una strada, un aeroporto, un canale o ancora una struttura sportiva o per il tempo libero, insomma qualsiasi analogo dell’ingegneria civile.
  •  In questo secondo punto invece vi citiamo l’esecuzione di lavori che modificano la forma o la sostanza del terreno o del sottosuolo. Possono essere gli scavi, iniezioni, insediamenti residenziali o altri simili.

 

I tipi di rifiuti edili più comuni sono:

  • Cemento, mattoni, piastrelle, cemento e ceramica.
  • Legno, vetro e plastica.
  • Materiali isolanti e amianto.
  • Catrame e materiali come il bitume.
  • Rifiuti metallici.
  • Pitture e vernici.
  • Adesivi e sigillanti.

Una cosa molto importante è appunto essere consapevole dei tipi di prodotti che produci con la tua attività. Molti di questi infatti potrebbero essere recuperati, riutilizzati e riciclati. Ti consigliamo di di separare tutto in modo adeguato, così da poterli rimuovere in modo ordinato e corretto.

Smaltire i rifiuti edili: il processo di riciclo

Quando un carico di macerie arriva all’impianto di riciclaggio, di solito arriva con molti tipi di rifiuti misti. Per realizzare il riciclo di queste macerie, vengono utilizzati una serie di processi meccanici.
Lo scopo è quello di separare i rifiuti per tipo e dimensione in modo tale da poterli riutilizzare. Ad esempio come la stabilizzazione di suoli e strade, manutenzione stradale, etc.

Dividiamo passo per passo quello che avviene durante lo smaltimento:

  1. Ricezione materiale
    Il camion con il carico dei rifiuti arriva allo stabilimento, dove viene pesato, identificato e viene annotata la sua provenienza.
  2. Suddivisione
    Selezione iniziale, vengono separati i rifiuti più voluminosi come legno e plastica. Ovviamente in questa fase i residui più piccoli non possono essere rimossi e rimangono nella catena.
  3. Tamburo rotante
    Questo tamburo è un cilindro metallico, che riesce a separare i solidi per dimensione.
  4. Separazione pneumatica
    Questo attrezzo separa i resti più densi da quelli meno densi con un getto d’aria. Ad esempio plastica, cartone e carta dalla terra, dalle pietre e dalle macerie.
  5. Separazione magnetica
    Apparecchio costituito da un potente magnete che attrae tutti i detriti e i materiali ferrosi.
  6. Ordinamento manuale
    In questo, diversi operatori si occupano di ispezionare il materiale e separarlo per tipologia in modo manuale.
  7. Triturazione
    L’ultimo passaggio consiste nel triturare tutti i rifiuti in dimensioni diverse, a seconda dello scopo di utilizzo del lotto in questione.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!