Articoli

Trucchi per un pavimento brillante

Quali sono i migliori trucchi per un pavimento brillante? Per ogni materiale di cui esso è composto esiste un trucco! Eco-ambiente Milano

Trucchi per un pavimento brillante

Nella pulizia della casa c’è inclusa anche la pulizia dei pavimenti.
Certamente, la scelta dei rivestimenti per pavimenti fa parte della decorazione. Questa è una decisione importante e devi valutare vari aspetti come l’estetica, il materiale, la consistenza e il colore. Inoltre, se si vuole mantenere i pavimenti lucidi e impeccabili, è necessario valutare aspetti come la durata e la manutenzione nel tempo.

Pertanto, è necessario tenere conto di che materiale è fatto il pavimento, poiché, a seconda di esso, cambieranno i modi di pulirlo e trattarlo. L’idea è di rendere gli spazi non solo puliti, ma anche chiari. A volte sembra che la lucentezza svanisca nel tempo e sei nel posto giusto se il tuo obiettivo è quello di far riacquisire la lucentezza ai tuoi pavimenti!

Trucchi per un pavimento brillante: prodotti ideali

Una volta spazzato il pavimento, prepareremo il mocio con acqua e un idoneo prodotto per la pulizia. Possiamo usare prodotti naturali per strofinarlo accuratamente e rimuovere macchie, batteri e cattivi odori.

Tra i detergenti naturali più consigliati per il loro potere disinfettante, spiccano il bicarbonato di sodio e l’aceto bianco. Puoi anche usare un detergente neutro, perché i detergenti saponosi tendono a lasciare segni.

Per evitarle i segni se non si ha a disposizione un sapone neutro, usiamo una quantità molto piccola di detergente saponoso o puliamo solo con acqua.

 

Per strofinare il pavimento con il bicarbonato di sodio e renderlo lucido, sciogliere circa tre cucchiai di questo prodotto con mezzo bicchiere di aceto bianco in un secchio d’acqua.

Mescola bene tutti gli ingredienti. Una volta preparato il secchio d’acqua, strofina come al solito, strizzandolo bene.

Per ridurre l’odore intenso dell’aceto puoi aggiungere qualche goccia di un olio essenziale.

 

Il pavimento sarà disinfettato, pulito e lucido. Una lucentezza che puoi esaltare ancora di più con una scopa morbida una volta che il pavimento è asciutto. Se la piastrella è di marmo, è meglio pulire il pavimento solo con acqua, quindi lucidarlo con una scopa morbida.

Trucchi per un pavimento brillante: pavimenti in legno

Per assicurarti che i tuoi pavimenti in legno siano sempre lucidi, la prima cosa che dovresti fare è evitare graffi quando sposti i mobili. Per questo, si consiglia di applicare feltro adesivo sulle gambe dei mobili.

 

Il legno è un materiale che deve essere lucidato di tanto in tanto, poiché tende a perdere la sua lucentezza e diventare opaco. Per mantenere lucidi i pavimenti in legno più a lungo, ti diamo un consiglio con prodotti fatti in casa e facili da trovare.

La prima cosa che devi fare è aspirare per rimuovere la polvere.

In seguito, ogni volta che pulisci regolarmente, metti 3 litri di acqua in un secchio insieme a una spruzzata di aceto e il succo di limone. Strizza molto bene il panno o il mocio e usa una piccola quantità di detergente per pavimenti.

Successivamente, quando tutto sarà asciutto, applicare lo strato di cera per proteggere il legno.

Trucchi per un pavimento brillante: pavimenti in ceramica

La maggior parte dei pavimenti della cucina e del bagno sono generalmente in ceramica.

Per strofinare il pavimento in modo che sia lucido e senza segni, inizieremo spazzando o aspirando la superficie del pavimento.

Un pavimento ben spazzato è il miglior punto di partenza per lasciare che esso risulti impeccabile e pulito. Oltre a permetterci di individuare le zone con più macchie, cioè quelle in cui dovremo insistere di più in fase di lavaggio.

Tra i vantaggi che ci offre la ceramica, spicca la resistenza e la facilità con cui vengono puliti. Esiste un trucco per renderli perfettamente lucidi, utilizzando questi ingredienti:

Aceto di mele, che aiuterà a profumare e disinfettare in modo naturale.

Il bicarbonato di sodio, che è un’ottima candeggina naturale.

Una volta aspirato il pavimento, utilizza 3 litri di acqua in un secchio e aggiungi 1 grammo di bicarbonato. Dopo essersi sciolto, aggiungi una spruzzata di aceto di mele. Quindi, strofinalo bene strizzato regolarmente e lascialo asciugare.

Pavimenti in gres porcellanato lucido

Questi tipi di pavimenti sono lucidi di per sé. Sono molto resistenti e sono disponibili in grandi formati. Per mantenerli impeccabili, ti offriamo questo trucco:

Rimuovere tutta la polvere con una scopa o un’aspirapolvere. Mescolare 3 litri di acqua in un secchio con un tappo di detersivo o   sapone liquido neutro.

Passa il mocio perfettamente strizzato su tutto il pavimento e lascialo asciugare. Ripeti la procedura tante volte quanto necessario.

Pavimenti in cemento

All’inizio questo tipo di pavimentazione era solo per uso industriale. Tuttavia, al giorno d’oggi sono spesso utilizzati nella decorazione minimalista. Sebbene non siano pavimenti veramente lucidi, è possibile dargli un tocco.

Per fare questo bisogna stare attenti a non utilizzare elementi che lo graffiano, né sostanze acide per la pulizia. Solo applicando acqua con un po’ di sapone neutro potrai ottenere un risultato perfetto. Segui questi passi:

Rimuovere tutta la polvere con la scopa o l’aspirapolvere.
Mescola l’acqua e un tappo di sapone neutro in un secchio.Passate il mocio ben strizzato con il composto preparato e lasciate asciugare.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

Smaltire i rifiuti edili

È molto importante capire come smaltire i rifiuti edili e quali sono, scopriamolo leggendo l’articolo di Eco-ambiente Milano

Smaltire i rifiuti edili

Esiste una porzione significativa di rifiuti edili, che purtroppo molti di questi finiscono in discarica.
Secondo un rapporto, tra il 2008 e il 2009 sono stati generati un totale di 19 milioni di tonnellate di rifiuti edili. Inoltre più di 8 milioni di tonnellate sono stati buttati in una discarica.

Se stai pensando di buttare i materiali edili inutilizzati o rotti, sicuramente ti starai chiedendo cosa fare con i detriti. Non preoccuparti, nonostante sia abbastanza complicato lo smaltimento di rifiuti in generale, esistono alcune opzioni di smaltimento utilizzabili per la gestione dei rifiuti in modo valido e operoso.

Prima di tutto, la prima cosa che devi fare è prenderti del tempo per la pianificazione delle migliori pratiche di riciclo e smaltimento. Trovando magari la miglior soluzione eco-compatibile, rispettando il pianeta.

Alcuni dei vantaggi del riciclaggio sono:

  • Diminuzione della quantità di rifiuti buttati in discariche controllate
  • Diminuzione della quantità di rifiuti che finiscono in discariche abusive (es. campi aperti, frutteti etc.)
  • Beneficio economico derivato da questa attività di riciclaggio.

Smaltire i rifiuti edili: le discariche

L’obiettivo principale è quello di deviare i rifiuti verso la discarica, perché?

Qualsiasi discarica ha sicuramente un impatto negativo oltre che sull’ambiente anche sulla salute delle persone. Inoltre sono una delle prime fonti d’inquinamento eppure non smettono di aumentare giorno dopo giorno.

Questo accade per colpa delle nostre abitudini di consumo. Perché più popolazioni significa più consumi di conseguenza maggiore necessità di discariche dove depositare i nostri rifiuti.

È una soluzione intelligente? Beh, non proprio. Perché come già detto le discariche sono un grave problema ambientale.
Cosa inquinano di preciso? l’aria e l’acqua così come il suolo. Inoltre si distruggono gli ecosistemi per la costruzione di nuove discariche.
Un altro problema non indifferente che causano è che hanno un impatto sulla vegetazione, la fauna e degradano il paesaggio.

Il trasporto associato, invece, genera un forte inquinamento dovuto al consumo di energia inquinante, qual è la soluzione? La cosa più coerente sarebbe ridurre la quantità di rifiuti che raggiungono la discarica. E questo può essere fatto essenzialmente con abitudini di consumo responsabile. E adattandogli anche riutilizzo e riciclo.

Cosa sono i rifiuti da costruzione e demolizione?

Si intendono rifiuti da costruzione e demolizione (ossia rifiuti edili), le sostanze o gli oggetti che soddisfano la definizione di “rifiuto” generato in:

  • La costruzione, riparazione, riforma o demolizione di un immobile come ad esempio un edificio, una strada, un aeroporto, un canale o ancora una struttura sportiva o per il tempo libero, insomma qualsiasi analogo dell’ingegneria civile.
  •  In questo secondo punto invece vi citiamo l’esecuzione di lavori che modificano la forma o la sostanza del terreno o del sottosuolo. Possono essere gli scavi, iniezioni, insediamenti residenziali o altri simili.

 

I tipi di rifiuti edili più comuni sono:

  • Cemento, mattoni, piastrelle, cemento e ceramica.
  • Legno, vetro e plastica.
  • Materiali isolanti e amianto.
  • Catrame e materiali come il bitume.
  • Rifiuti metallici.
  • Pitture e vernici.
  • Adesivi e sigillanti.

Una cosa molto importante è appunto essere consapevole dei tipi di prodotti che produci con la tua attività. Molti di questi infatti potrebbero essere recuperati, riutilizzati e riciclati. Ti consigliamo di di separare tutto in modo adeguato, così da poterli rimuovere in modo ordinato e corretto.

Smaltire i rifiuti edili: il processo di riciclo

Quando un carico di macerie arriva all’impianto di riciclaggio, di solito arriva con molti tipi di rifiuti misti. Per realizzare il riciclo di queste macerie, vengono utilizzati una serie di processi meccanici.
Lo scopo è quello di separare i rifiuti per tipo e dimensione in modo tale da poterli riutilizzare. Ad esempio come la stabilizzazione di suoli e strade, manutenzione stradale, etc.

Dividiamo passo per passo quello che avviene durante lo smaltimento:

  1. Ricezione materiale
    Il camion con il carico dei rifiuti arriva allo stabilimento, dove viene pesato, identificato e viene annotata la sua provenienza.
  2. Suddivisione
    Selezione iniziale, vengono separati i rifiuti più voluminosi come legno e plastica. Ovviamente in questa fase i residui più piccoli non possono essere rimossi e rimangono nella catena.
  3. Tamburo rotante
    Questo tamburo è un cilindro metallico, che riesce a separare i solidi per dimensione.
  4. Separazione pneumatica
    Questo attrezzo separa i resti più densi da quelli meno densi con un getto d’aria. Ad esempio plastica, cartone e carta dalla terra, dalle pietre e dalle macerie.
  5. Separazione magnetica
    Apparecchio costituito da un potente magnete che attrae tutti i detriti e i materiali ferrosi.
  6. Ordinamento manuale
    In questo, diversi operatori si occupano di ispezionare il materiale e separarlo per tipologia in modo manuale.
  7. Triturazione
    L’ultimo passaggio consiste nel triturare tutti i rifiuti in dimensioni diverse, a seconda dello scopo di utilizzo del lotto in questione.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

Smaltimento rifiuti da ufficio

Lo smaltimento dei rifiuti da ufficio non è più un problema, basta eseguire dei piccoli passaggi per salvare l’ambiente. Eco-ambiente.

Smaltimento rifiuti da ufficio

Se abbiamo già l’abitudine di classificare i rifiuti nelle nostre case, quale modo migliore se non trasferire questa azione sostenibile sul posto di lavoro?
Ci sono domande di base che possono essere applicate a diverse aree e casi di aziende locali che servono come esempi per imitare e iniziare ad agire.

La suddivisione dello smaltimento dei rifiuti è una delle chiavi essenziali quando si cerca di ridurre l’impatto sull’ambiente che ci circonda. Questo concetto va applicato non solo nella nostra abitazione, ma anche sul posto di lavoro in cui si trascorre la maggior parte della settimana.

La cosa interessante è che i benefici di questa azione non sono solo per l’ambiente ma per il team di lavoro stesso. Questa azione genera un maggiore legame tra i suoi membri, una migliore comunicazione e la condivisione di un’attività di sensibilizzazione che si svolge insieme.

Installa contenitori per il riciclaggio

Puoi ridurre gli sprechi e collaborare anche alla salvaguardia dell’ambiente.
Infatti per questo motivo la cosa migliore da fare è installare i cassonetti per la raccolta differenziata in ufficio.

In questo modo non solo faciliteremo la riduzione dei rifiuti, ma offriremo anche la possibilità di depositare ogni rifiuto nel relativo contenitore, in modo da favorirne il riciclo e collaborare alla salvaguardia dell’ambiente. Ciò aggiungerà anche valore alla tua azienda, poiché ti permetterà di mostrare un’immagine positiva nei confronti dell’ambiente.

Assumi un’azienda specializzata

Una delle chiavi per ridurre la quantità di rifiuti in ufficio è assumere i servizi di un’azienda specializzata che mette a tua disposizione la sua esperienza e professionalità. Una grande quantità di rifiuti viene generata in un ufficio, essendo carta e cartone uno dei rifiuti più comuni.  Anche la distruzione e riciclaggio delle apparecchiature informatiche.

Rifiuti pericolosi in ufficio

In un ufficio, come dal parrucchiere o dal tatuatore esistono rifiuti pericolosi o non pericolosi. Ad esempio, sebbene i rifiuti elettronici rappresentino solo il 2% dei rifiuti solidi del mondo, contribuiscono fino al 70% dei rifiuti pericolosi che finiscono nelle discariche.

La sicurezza nella loro raccolta e gestione è fondamentale, per questo deve essere affidata a mani esperte, poiché spesso contengono sostanze pericolose come i metalli pesanti che possono causare contaminazioni e problemi di salute. A questi si aggiungono le cartucce d’inchiostro per stampanti, fax o fotocopiatrici, estremamente pericolosi per l’ambiente.

Altri rifiuti sono le pile. Contengono mercurio, cadmio o piombo, potenzialmente pericolosi per la salute e l’ambiente. Inoltre la carta e le forniture, sebbene non sono considerati pericolosi devi fare attenzione a quanti né consumi. La carta deve riportare la qualifica TCF, che corrisponde all’acronimo inglese “totalmente privo di cloro”, poiché il cloro è uno dei principali inquinanti dell’acqua. Nel caso della cancelleria (come matite, biro, etc.) possono generare importanti impatti ambientali legati all’uso di sostanze chimiche pericolose che contengono la plastica, l’inchiostro e quant’altro.

Misure per ridurre i rifiuti in ufficio

Mentre ci mettiamo nelle mani dei professionisti, potremmo fare comunque qualcosa per ridurre la produzione di rifiuti:

  • Ottimizza e pianifica il consumo di carta e il resto delle esigenze di un ufficio;
  • Aggiorna e riutilizza apparecchiature informatiche obsolete per attività che richiedono meno energia;
  • Effettuare la manutenzione preventiva delle apparecchiature al fine di garantire non solo il suo funzionamento, ma anche l’uso efficiente di energia e risorse;
  • Quando possibile, utilizzare toner riciclati;
  • Sostituisci le batterie monouso con batterie ricaricabili;
  • Sostituisci le lampadine con luci a LED;
  • Valutare l’acquisto di a basso contenuto di alluminio.

 

Elimina l’uso di prodotti che possono diventare rifiuti pericolosi (come quelli con PVC).

A questi bisogna aggiungere altri rifiuti a cui non prestiamo molta attenzione, ma che sono anche pericolosi. Stiamo parlando di prodotti chimici per la pulizia. In questo caso, è conveniente scegliere quelli meno aggressivi con l’ambiente e seguire le specifiche tecniche di dosaggio.

Smaltimento rifiuti da ufficio: documenti e cartone

I documenti e il cartone sono i principali rifiuti generati negli uffici, soprattutto nelle aree del diritto e della contabilità. La chiave è riutilizzare i documenti il più possibile, prima della sua destinazione nel cestino.

Per fare ciò, deve essere promosso, in primo luogo, l’invio di corrispondenza digitale, evitando così la generazione di impressioni non necessarie. Quando ciò è inevitabile, si consiglia di prendere la stampa fronte / retro automatica. In quei casi in cui abbiamo una carta inutilizzata con una facciata libera, il suo riutilizzo viene riavviato come gomma o anche per assemblare annotatori interni.

Questo aspetto può essere esclusivo quando l’informazione è riservata e, quindi, la sua destinazione finirà per essere il cestino dei rifiuti riciclabile. Come la carta, la sua destinazione è il riutilizzo e il riciclaggio. Si consiglia di avere un collegamento con una cooperativa di collezionisti urbani per garantire una corretta consegna del materiale.

Smaltimento rifiuti a ufficio: plastica e vetro

Oggi esistono diverse organizzazioni che forniscono soluzioni per la raccolta di diversi tipi di plastica, con cui le aziende dovrebbero essere in comunicazione permanente. Ad esempio esistono delle fondazioni che raccolgono i tappi delle bottiglie o altre ancora che raccolgono invece le bottiglie e bottigliette di plastica.

Per il vetro invece, esistono più alternative per il successivo riutilizzo. L’importante è evitare che si rompa e consegnarlo in modo pulito.

Smaltimento rifiuti da ufficio: il cibo

Sarebbe ideale inserire la separazione dei rifiuti con un bidone o un cestino che permetta di ospitare i diversi resti di cibo che si generano all’ora di pranzo e poter così nutrire il patio o balcone con il proprio terreno.

La separazione dei rifiuti va di pari passo con la riduzione della quantità di rifiuti generati e la ricerca di alternative di riutilizzo all’interno dell’azienda. Essere coerenti con questi principi ti permetterà di ottenere risultati incredibili.

Conclusioni

La chiave di ciascuna di queste azioni è il fatto di comunicare. È inutile mettere dei cestini separatori se non si comunica ai membri del team di lavoro come verrà svolta la gestione dei rifiuti, cosa è necessario separare e un aspetto molto importante: perché farlo.

Le ragioni che giustificano questo necessario cambio di abitudine contribuiranno a far sentire il dipendente parte di un’azione importante per il team, per l’ambiente e per la società.

 

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!