Articoli

Smaltimento rifiuti da ufficio

Lo smaltimento dei rifiuti da ufficio non è più un problema, basta eseguire dei piccoli passaggi per salvare l’ambiente. Eco-ambiente.

Smaltimento rifiuti da ufficio

Se abbiamo già l’abitudine di classificare i rifiuti nelle nostre case, quale modo migliore se non trasferire questa azione sostenibile sul posto di lavoro?
Ci sono domande di base che possono essere applicate a diverse aree e casi di aziende locali che servono come esempi per imitare e iniziare ad agire.

La suddivisione dello smaltimento dei rifiuti è una delle chiavi essenziali quando si cerca di ridurre l’impatto sull’ambiente che ci circonda. Questo concetto va applicato non solo nella nostra abitazione, ma anche sul posto di lavoro in cui si trascorre la maggior parte della settimana.

La cosa interessante è che i benefici di questa azione non sono solo per l’ambiente ma per il team di lavoro stesso. Questa azione genera un maggiore legame tra i suoi membri, una migliore comunicazione e la condivisione di un’attività di sensibilizzazione che si svolge insieme.

Installa contenitori per il riciclaggio

Puoi ridurre gli sprechi e collaborare anche alla salvaguardia dell’ambiente.
Infatti per questo motivo la cosa migliore da fare è installare i cassonetti per la raccolta differenziata in ufficio.

In questo modo non solo faciliteremo la riduzione dei rifiuti, ma offriremo anche la possibilità di depositare ogni rifiuto nel relativo contenitore, in modo da favorirne il riciclo e collaborare alla salvaguardia dell’ambiente. Ciò aggiungerà anche valore alla tua azienda, poiché ti permetterà di mostrare un’immagine positiva nei confronti dell’ambiente.

Assumi un’azienda specializzata

Una delle chiavi per ridurre la quantità di rifiuti in ufficio è assumere i servizi di un’azienda specializzata che mette a tua disposizione la sua esperienza e professionalità. Una grande quantità di rifiuti viene generata in un ufficio, essendo carta e cartone uno dei rifiuti più comuni.  Anche la distruzione e riciclaggio delle apparecchiature informatiche.

Rifiuti pericolosi in ufficio

In un ufficio, come dal parrucchiere o dal tatuatore esistono rifiuti pericolosi o non pericolosi. Ad esempio, sebbene i rifiuti elettronici rappresentino solo il 2% dei rifiuti solidi del mondo, contribuiscono fino al 70% dei rifiuti pericolosi che finiscono nelle discariche.

La sicurezza nella loro raccolta e gestione è fondamentale, per questo deve essere affidata a mani esperte, poiché spesso contengono sostanze pericolose come i metalli pesanti che possono causare contaminazioni e problemi di salute. A questi si aggiungono le cartucce d’inchiostro per stampanti, fax o fotocopiatrici, estremamente pericolosi per l’ambiente.

Altri rifiuti sono le pile. Contengono mercurio, cadmio o piombo, potenzialmente pericolosi per la salute e l’ambiente. Inoltre la carta e le forniture, sebbene non sono considerati pericolosi devi fare attenzione a quanti né consumi. La carta deve riportare la qualifica TCF, che corrisponde all’acronimo inglese “totalmente privo di cloro”, poiché il cloro è uno dei principali inquinanti dell’acqua. Nel caso della cancelleria (come matite, biro, etc.) possono generare importanti impatti ambientali legati all’uso di sostanze chimiche pericolose che contengono la plastica, l’inchiostro e quant’altro.

Misure per ridurre i rifiuti in ufficio

Mentre ci mettiamo nelle mani dei professionisti, potremmo fare comunque qualcosa per ridurre la produzione di rifiuti:

  • Ottimizza e pianifica il consumo di carta e il resto delle esigenze di un ufficio;
  • Aggiorna e riutilizza apparecchiature informatiche obsolete per attività che richiedono meno energia;
  • Effettuare la manutenzione preventiva delle apparecchiature al fine di garantire non solo il suo funzionamento, ma anche l’uso efficiente di energia e risorse;
  • Quando possibile, utilizzare toner riciclati;
  • Sostituisci le batterie monouso con batterie ricaricabili;
  • Sostituisci le lampadine con luci a LED;
  • Valutare l’acquisto di a basso contenuto di alluminio.

 

Elimina l’uso di prodotti che possono diventare rifiuti pericolosi (come quelli con PVC).

A questi bisogna aggiungere altri rifiuti a cui non prestiamo molta attenzione, ma che sono anche pericolosi. Stiamo parlando di prodotti chimici per la pulizia. In questo caso, è conveniente scegliere quelli meno aggressivi con l’ambiente e seguire le specifiche tecniche di dosaggio.

Smaltimento rifiuti da ufficio: documenti e cartone

I documenti e il cartone sono i principali rifiuti generati negli uffici, soprattutto nelle aree del diritto e della contabilità. La chiave è riutilizzare i documenti il più possibile, prima della sua destinazione nel cestino.

Per fare ciò, deve essere promosso, in primo luogo, l’invio di corrispondenza digitale, evitando così la generazione di impressioni non necessarie. Quando ciò è inevitabile, si consiglia di prendere la stampa fronte / retro automatica. In quei casi in cui abbiamo una carta inutilizzata con una facciata libera, il suo riutilizzo viene riavviato come gomma o anche per assemblare annotatori interni.

Questo aspetto può essere esclusivo quando l’informazione è riservata e, quindi, la sua destinazione finirà per essere il cestino dei rifiuti riciclabile. Come la carta, la sua destinazione è il riutilizzo e il riciclaggio. Si consiglia di avere un collegamento con una cooperativa di collezionisti urbani per garantire una corretta consegna del materiale.

Smaltimento rifiuti a ufficio: plastica e vetro

Oggi esistono diverse organizzazioni che forniscono soluzioni per la raccolta di diversi tipi di plastica, con cui le aziende dovrebbero essere in comunicazione permanente. Ad esempio esistono delle fondazioni che raccolgono i tappi delle bottiglie o altre ancora che raccolgono invece le bottiglie e bottigliette di plastica.

Per il vetro invece, esistono più alternative per il successivo riutilizzo. L’importante è evitare che si rompa e consegnarlo in modo pulito.

Smaltimento rifiuti da ufficio: il cibo

Sarebbe ideale inserire la separazione dei rifiuti con un bidone o un cestino che permetta di ospitare i diversi resti di cibo che si generano all’ora di pranzo e poter così nutrire il patio o balcone con il proprio terreno.

La separazione dei rifiuti va di pari passo con la riduzione della quantità di rifiuti generati e la ricerca di alternative di riutilizzo all’interno dell’azienda. Essere coerenti con questi principi ti permetterà di ottenere risultati incredibili.

Conclusioni

La chiave di ciascuna di queste azioni è il fatto di comunicare. È inutile mettere dei cestini separatori se non si comunica ai membri del team di lavoro come verrà svolta la gestione dei rifiuti, cosa è necessario separare e un aspetto molto importante: perché farlo.

Le ragioni che giustificano questo necessario cambio di abitudine contribuiranno a far sentire il dipendente parte di un’azione importante per il team, per l’ambiente e per la società.

 

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

Smaltimento rifiuti centri estetici

Aiutati leggendo questo articolo di Eco-Ambiente per lo smaltimento dei rifiuti nei centri estetici.

Smaltimento rifiuti nei centri estetici

I centri estetici e di bellezza hanno una vasta quantità di rifiuti. Possono variare dalle strisce depilatorie agli aghi per agopuntura e quant’altro.
La difficoltà per i nuovi proprietari di saloni proprio come per i parrucchieri è riuscire a dividere i diversi rifiuti, da quelli domestici ai rifiuti taglienti. Metti la spazzatura e gli oggetti da eliminare nel giusto contenitore prima dello smaltimento.

In seguito abbiamo scritto un articolo per informare e/o aggiornare tutti i proprietari di un centro estetico e di bellezza. Aiutandoti così a capire i tipi di rifiuti rilevanti nel settore della bellezza, come classificarli e quali contenitori utilizzare.

Smaltimento rifiuti nei centri estetici: i rifiuti clinici

Per lo smaltimento dei rifiuti clinici devi sapere che esistono due categorie e vanno divisi in sacchi:

Infettivi  li dovrai inserire inseriti in un sacco arancione.
Non infettivi, conosciuti anche come rifiuti offensivi e il sacchetto in questo caso sarà giallo o nero.

Non inserire oggetti taglienti nei sacchetti per non forare o comunque danneggiare la borsa.
Inoltre consigliamo di mettere i sacchetti facili all’uso in ogni sala per trattamenti di bellezza del tuo salone.
Una volta che sai se il tuo cliente ha o meno infezioni, puoi determinare quale borsa deve essere utilizzata, arancione o giallo / nero.
Gli elementi che dovranno essere messi all’interno del sacchetto includono bastoncini di cotone, strisce di cera, assorbenti, perizomi usa e getta per la depilazione, fazzoletti e qualsiasi tipo di carta.

Smaltimento rifiuti nei centri estetici: i rifiuti taglienti

I rifiuti taglienti devono essere divisi in tre tipologie diverse, tutti definiti da come sono stati usati e la divisione viene fatta da un sistema di colorazione del coperchio:
Il coperchio arancio: questo coperchio è per oggetti taglienti che non sono stati a contatto con medicinali o elementi chimici, ad esempio lamette o aghi.
Coperchio giallo: Invece il coperchio giallo viene usato per tutti quegli oggetti taglienti che sono stati a contatto con medicine o elementi chimici, senza dipendere dalla loro quantità, come aghi per le anestesie.

Alla fine abbiamo il coperchio viola: quest’ultimo coperchio è per gli oggetti taglienti e pericolosi che che sono stati a contatto con medicine o elementi chimici.
Dopo l’uso di aghi per trattamenti di bellezza come butolino o  corticosteroidi e derivati dati da prescrizione medica.

I rifiuti domestici

Un altro tipo di rifiuto che possiamo trovare all’interno dei centri estetici o di bellezza sono i rifiuti domestici.
Nel mondo dei rifiuti, i rifiuti domestici sono un modo più intelligente di fare riferimento a oggetti che non sono adatti al riciclo.
Ma quali sono i rifiuti domestici in un salone di bellezza?

Quando pulisci per terra puoi puoi trovare da capelli, a unghie tagliate o unghie finte, lo sporco generale come polvere o sporco portato per esempio dalle scarpe all’interno del centro.
Oppure anche l’umido come i rifiuti alimentari durante le pause pranzo e infine i tovaglioli, fazzoletti o panni per la nostra pulizia e dell’ambiente di lavoro.
Questo genere di rifiuti va inserito all’interno di un sacco nero.

La raccolta differenziata

Ricorda che non è possibile mischiare articoli che contengono o hanno contenuto medicinali con i rifiuti domestici.

Ci sono molti oggetti nei saloni di bellezza che possono essere riciclati. Una volta finito di usare i flaconi di shampoo, balsamo, creme e detergenti vari si possono lavare e usare di nuovo.

Vale anche la pena ricordare che tutti i giornali, riviste, la carta da ufficio, le lattine per bevande, i contenitori di vetro e di plastica usati nella gestione quotidiana di un salone di bellezza possono essere riciclati.

Tutti gli oggetti usa e getta sono ormai un uso comune come mezzo per ridurre la probabilità di infezione all’interno degli ambienti come i centri estetici.

Ma danno origine a una grande quantità di scarto infettivo o che potrebbe esserlo. Vengono di solito inviati insieme ai rifiuti taglienti e in seguito inceneriti.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

Disinfestazione blatte

Le infestazioni in casa possono essere un vero problema. Vediamo in cosa consiste una disinfestazione da blatte e alcuni consigli utili.

Disinfestazione blatte

Le blatte sono insetti con il corpo appiattito con la testa ricoperta da una dura cresta. I blattoidei (Blattodea) sono un ordine di insetti eterometaboli comunemente noti come blatte o scarafaggi. Le dimensioni vanno dai pochi millimetri a oltre i 35 millimetri. Il colore varia dall’ocra/marrone al nero.

Alcune specie sono dotate di ali, mentre altre possono non averle. Sono insetti terrestri che si muovono prevalentemente nelle ore notturne. Nel caso siano visibili di giorno, potrebbe essere presente una forte infestazione.

Le blatte sono originarie dell’oriente, ma si sono diffuse in tutto il mondo. L’habitat che prediligono è quello in cui vive l’uomo, in questo modo possono avere accesso a delle fonti di cibo. Tra questi ci sono gli alimenti umani, pelle, capelli, carta, colla e altro. Hanno infatti una dieta varia essendo praticamente onnivori.

Questi insetti possono causare diversi fastidi. Vediamo come funziona la disinfestazione da blatte.

Ciclo di vita

Un passaggio fondamentale per la disinfestazione da blatte, è conoscere il loro ciclo di vita. Nonostante vari da specie a specie, si divide solitamente in tre fasi:

  • Uovo
  • Ninfa
  • Adulto

Le uova vengono deposte in gruppi contenute in ooteche. Le ninfe escono dalle uova somigliando all’adulto, anche se in dimensioni ridotte. Possono avere un colore diverso in questa fase. Si nutrono in modo indipendente e la loro crescita consiste in diverse mute fino all’età adulta.

Danni causati da blatte

Le blatte possono causare danni. Se entrano in contatto con gli alimenti, questi vengono contaminati. Le feci e le secrezioni ghiandolari che producono, lasciano uno sgradevole odore. Inoltre sono potenziali portatori di microrganismi dannosi sia per noi sia per i nostri animali domestici.

Il pericolo per l’igiene consiste nei numeri parassiti che vivono nei loro intestini come nematodi, tenie e protozoi. Questi vengono lasciati al loro passaggio e possono essere dannosi per l’uomo.

La loro presenza permanente è sintomo di una scarsa igiene casalinga. Il tipo di disinfestazione da blatte varia in base al grado di infestazione. Se sono visibili durante il giorno e sono presenti tracce come feci, si tratta di una situazione grave.

Fasi della disinfestazione da blatte: l’ispezione

La prima fase per la disinfestazione delle blatte è l’ispezione. Si tratta di una fase importante in cui si determina il tipo e l’entità dell’infestazione e le possibili cause.

Per determinare la specie è necessario posizionare delle trappole adesive per catturare alcuni esemplari. Così è possibile individuare anche i loro eventuali rifugi. Dopodiché è necessario effettuare un’accurata pulizia per rimuovere materiale organico di cui si nutrono. Bisogna trattare le superfici su cui si spostano, spruzzando un’insetticida. In questa fase è necessario prestare attenzione per evitare la contaminazione di alimenti o altro che possa venire a contatto.

Insetticidi

In questa fase è necessario seguire un trattamento mirato dei rifugi delle blatte. In particolare le fessure, utilizzando degli insetticidi in grado di far uscire gli insetti e farli entrare in contatto con l’insetticida spruzzato in precedenza.

Un altro tipo di trattamento meno invasivo è il gel insetticida. È indicato per la disinfestazione delle blatte in ambienti come cucine, bagni o per edifici come ristoranti, hotel o magazzini. Si tratta di un prodotto facile da usare e pronto all’uso. Non crea problemi ad essere applicato in presenza di persone, non interrompendo la normale routine.

Questo gel viene messo nelle fessure, luoghi chiusi, negli angoli e in generale dove potrebbero essere le blatte. Dietro i mobili, mensole, sotto il lavello o dietro il frigorifero. Grazie alla sua azione attrattiva è possibile vedere il suo effetto già dopo poche ore.

Le blatte moriranno dopo aver ingerito il veleno e contamineranno gli altri insetti che andranno a cibarsene.

Manutenzione

Dopo la disinfestazione delle blatte, bisogna tenere presente che le ooteche sono resistenti agli insetticidi. È necessario programmare un secondo trattamento per eliminarle. La distanza del tempo tra i due varia in base alla specie di blatte presente. Ci sono anche dei consigli di igiene per tenere sotto controllo l’infestazione.

È necessario mantenere i locali puliti e asciutti con una pulizia adeguata. Riparare eventuali crepe e sigillare scarichi e tubi per evitare che vi si insinuino le blatte. Butta gli avanzi e assicurati che la spazzatura sia ben sigillata.

Un monitoraggio ricorrente delle zone trattate è utile per verificare possibili reinfestazioni e intervenire in tempo.

Disinfestazione blatte professionale

La disinfestazione delle blatte professionale è sicuramente la soluzione più efficace. Se vuoi essere sicuro di risolvere il problema questa può fare al caso tuo.

I disinfestatori faranno l’ispezione andando a controllare tutte le stanze solitamente più colpite come cucina, il bagno e i ripostigli. Andranno anche a sigillare eventuali crepe e fessure. Gli insetticidi che utilizzano sono professionali e più efficaci.

Ovviamente questa soluzione sarà più costosa dei metodi casalinghi, ma sicuramente più completa.

Smaltimento rifiuti tatuatori

Se hai uno studio di tatuaggi saprai che lo smaltimento rifiuti dei tatuatori è una cosa fondamentale. Vediamo come funziona.

Smaltimento rifiuti tatuatori

La gestione dei rifiuti sanitari coinvolge tutte le attività necessarie per gestirli in modo adeguato. Infatti lo smaltimento rifiuti dei tatuatori deve rispettare le normative vigenti.

Quando parliamo di smaltimento dei rifiuti sanitari, la prima cosa che viene in mente sono ospedali e strutture sanitarie. Esistono però altri settori non direttamente associati al settore sanitario che creano questo tipo di rifiuti nel corso delle loro giornate.

Lo studio di tatuaggi è tra questi. L’ago per tatuaggi entra a contatto con i fluidi corporei. Altri potenziali oggetti includono bisturi chirurgico (per i piercers), oggetti taglienti, medicazioni sterili e guanti. Ciò che li trasforma i rifiuti sanitari è il fatto che entrino in contatto con il sangue del cliente.

Rifiuti speciali

A differenza di altri tipi di rifiuti, lo smaltimento rifiuti dei tatuatori è più complesso. Questi producono alcuni rifiuti identificati con il codice CER 180103, considerati dunque pericolosi.

Oltre all’attrezzatura appuntita, anche gli inchiostri devono essere smaltiti in modo adeguato. Si tratta infatti di materiale potenzialmente infettivo. Alcuni problemi come malattie polmonari, problemi agli occhi e dolori articolari, sono stati collegati ad agenti patogeni presenti negli inchiostri contaminati. Occorre sapere bene come muoversi e il giusto processo da seguire.

Grazie al Decreto “Salva Italia” del 2016, la gestione di questi rifiuti si è semplificata di molto. Infatti non richiede più la compilazione del questionario di carico e scarico, del Mud e del formulario di trasporto rifiuti.

Smaltimento rifiuti tatuatori: conformità dei rifiuti

Il corretto smaltimento dei rifiuti dei tatuatori è una componente fondamentale. Ogni tatuatore o proprietario dello studio dovrebbe essere molto attento a questa parte. Se gli strumenti non vengono disinfettati in modo corretto o smaltiti nel modo giusto, i clienti e il personale potrebbero essere esposti a malattie come HIV o l’epatite. Queste possono diventare fatali.

Se si seguono le giuste pratiche, il rischio d’infezione è molto basso.

Qualsiasi posto che crea rifiuti a rischio infettivo possono evitare rischi per la salute e per l’ambiente affidandosi ad aziende specializzate.

Smaltimento privato

Se il volume dei tuoi rifiuti non supera i 30 kg al giorno, lo smaltimento privato può essere la tua soluzione. È necessario però iscriversi alla Sezione Regionale dell’Albo Gestori Ambientali. La domanda di iscrizione deve essere presentata alla sezione regionale o provinciale a cui è legata la sede dell’attività. È possibile utilizzare la modalità telematica mediante l’apposito portale.

La domanda deve contenere, oltre alla sede, le caratteristiche dei rifiuti, gli estremi identificativi e l’idoneità dei mezzi di trasporto utilizzati.

Smaltimento rifiuti tatuatori: aziende specializzate

Per lo smaltimento di rifiuti dei tatuatori, la soluzione più comoda è affidarsi ad un’azienda specializzata. Queste sono autorizzate al trasporto dei rifiuti speciali e permettono una gestione più completa e priva di pericoli rispetto a quella privata. Non sarà necessario l’affitto o l’acquisto di un mezzo apposito e tutto sarà gestito a norma di legge. Questo tipo di aziende gestisce in autonomia il ritiro evitando spostamenti da parte del cliente.

Uno smaltimento scorretto potrebbe mettere a rischio l’attività, l’ambiente e la salute del personale e dei clienti. Servizi di raccolta dei rifiuti, il trasporto, lo smaltimento e la formazione sulla conformità aiutano a garantire un ambiente protetto.