Articoli

Fattori importanti prima di assumere una impresa di pulizie

Fattori importanti prima di assumere una impresa di pulizie

Assumere un’impresa di pulizie comporta un processo in cui la pianificazione e la gestione sono fondamentali per ottenere buoni risultati. Per facilitare il processo, abbiamo evidenziato tre punti principali che aiuteranno a chiarire il processo di selezione.

Molte aziende si chiedono se hanno davvero bisogno di un’impresa di pulizie esterna che svolga questi servizi per loro. Per portare avanti questa decisione nel miglior modo possibile, è necessario valutare se vi sia una reale necessità. Ciò dipenderà sostanzialmente dalle dimensioni dell’azienda. Di solito conviene di più affidarsi a questi servizi di pulizia quando la nostra azienda è grande e tale assunzione non comporta per noi una spesa enorme.

La produttività ha un rapporto diretto con il luogo di lavoro. È molto importante lavorare in un posto dove siamo a nostro agio e l’atmosfera è piacevole. Il fattore pulizia è qualcosa da tenere in considerazione, poiché lavorare in un ambiente piacevole migliorerà il nostro umore, così come le nostre prestazioni.

Devono essere presi in considerazione anche altri fattori come l’impressione dei nostri clienti o delle parti interessate. I vantaggi di avere agenzie di pulizie professionali sono infiniti e possono aiutarci a migliorare il nostro ambiente con servizi di qualità. Quando si tratta di fornire fiducia a un’azienda che svolgerà un servizio così importante nella nostra azienda, dobbiamo valutare diversi aspetti per sentirci il più a nostro agio possibile.

L’obiettivo è creare una relazione duratura in cui entrambe le parti siano soddisfatte.

Che tipo di impresa di pulizie stiamo cercando?

A questo proposito, quando andiamo ad assumere una imprese di pulizie dobbiamo essere chiari sul fatto che abbiamo bisogno di servizi di pulizia per la nostra azienda, cioè non va confusa con le imprese dedicate alle pulizie domestiche. Questo è solitamente un errore molto comune, dal momento che molte aziende del settore non specificano se sono specializzate nei privati ​​o nelle imprese.

D’altra parte, è anche molto importante considerare quale tipo di azienda ci si addice. Esistono diverse varianti nel settore delle pulizie, come in quasi tutti i settori. Le possibilità sono franchising, piccole, medie, grandi e imprese autonome. In questo senso, la differenza principale si trova nei prezzi. Normalmente, le aziende più grandi sono quelle con i prezzi più competitivi.

Qualità e professionalità

Senza dubbio la qualità del servizio e la professionalità dell’agenzia di pulizie e dei suoi dipendenti è la cosa più importante. Come scoprire se un’agenzia è di qualità? Innanzitutto: il sito web. Un’agenzia deve avere un sito web che mostri i servizi di pulizia che svolge e il suo modo di lavorare. È anche molto importante avere una sezione di contatto per rispondere alle domande dei potenziali clienti.

Un altro modo per valutare la qualità delle agenzie di pulizie senza conoscere in prima persona i loro servizi è ricorrere alle opinioni che altri clienti hanno dato magari su Google o sui social network. In questo modo possiamo farci un’idea del modo di lavorare grazie al livello di soddisfazione del cliente.

Varietà di servizi

In un ufficio o in un negozio di solito ci sono varie situazioni che un professionista deve svolgere. È probabile che abbiamo un giardino che richiede cure o semplicemente abbiamo bisogno di coprire alcuni compiti di manutenzione o di pulizie. Sarà molto più semplice se possiamo richiedere questo tipo di servizio alla nostra agenzia di pulizie.

In questo modo ci risparmiamo varie procedure non necessarie, oltre a riporre la nostra fiducia in un’altra azienda.

Esperienza

Se un’agenzia di pulizie ha diversi anni di esperienza, è probabile che abbia incontrato situazioni simili alla tua e sappia risolverle con la massima efficienza. Negli anni sono cambiate le tecniche di pulizia, così come i componenti dei prodotti con l’intento di essere più sostenibili ed efficaci.

Le imprese di pulizie devono essere consapevoli degli ultimi sviluppi del settore per continuare a crescere grazie all’innovazione e alla tecnologia. In questo modo, l’efficienza e l’efficacia saranno raggiunte in modo più semplice.

Gentilezza

I servizi di pulizia, a seconda del luogo in cui vengono effettuati, dovranno essere ripetuti per tutta la settimana, con possibilità di recarsi tutti i giorni di apertura. È possibile che questo fattore non venga tenuto in grande considerazione, ma è molto importante che la persona o le persone che si recheranno in ufficio o in negozio siano gentili con il resto del personale aziendale.

Fiducia

La fiducia che le imprese di pulizie devono trasmettere a prima vista è essenziale. Ma una volta contratto il servizio, è importante continuare a costruire quella fiducia per cercare di avere la stessa impresa di pulizie e personale per il maggior numero di anni possibile. A questo punto, il responsabile delle pulizie si sentirà molto più a suo agio, così come il resto delle persone in ufficio.

Prima di tutto, devi ricordare che sei tu ad aprire la strada durante il processo di selezione e devi porre all’impresa di pulizie tutte le domande del caso. Questi sono i fattori più importanti di cui devi tenere conto.

Ora che sai come comportarti nel processo di selezione, non ti resta che cominciare la tua ricerca per assumere una impresa di pulizie…e noi di Eco-ambiente siamo qui a tua disposizione!

Prenota oggi stesso una consulenza.

Pulizia nelle case di riposo

Pulizia nelle case di riposo

Le case di riposo non sono quei luoghi freddi e abbandonati di altri tempi. Oggi si tratta di centri appositamente predisposti per la cura degli anziani, che vivono in comunità, con assistenza medica, attività, terapie e tutto quanto necessario per la loro cura e una vita dignitosa. A questo punto, i proprietari e i lavoratori delle case di cura si impegnano ogni giorno affinché il loro centro sia nelle migliori condizioni per i suoi utenti.

Una delle cose a cui si presta maggiore attenzione in questi centri è la pulizia. Il protocollo di pulizia nelle case di riposo è rigoroso e attento, come negli ospedali: tutte le attività necessarie devono essere svolte affinché tutti gli spazi siano adeguati e privi di agenti patogeni, virus o qualsiasi altra presenza che possa mettere a rischio la salute degli anziani.

La pulizia nelle case di cura è un compito molto importante a causa delle condizioni degli utenti di queste strutture. Queste persone, a causa della loro età, hanno maggiori probabilità di contrarre nuove malattie. Ecco perché è particolarmente importante assicurarsi che le strutture in cui trascorrono la giornata siano adeguatamente pulite e disinfettate.

Caratteristiche degli utenti della residenza

Come abbiamo accennato in precedenza, il profilo degli utenti delle case di cura è il fattore più importante di cui dobbiamo tenere conto per sensibilizzare sull’importanza della pulizia nelle case di cura. Il loro delicato stato di salute li rende più vulnerabili a contrarre ogni tipo d’infezione, quindi dobbiamo assicurarci che la casa di cura sia pulita a fondo e in modo professionale.

Dobbiamo tenere presente che molti di loro non sono in pieno possesso di tutte le loro facoltà, che possono causare alcune situazioni spiacevoli, come vomito, incontinenza e altre secrezioni che non possono controllare da soli. Queste situazioni sono anche estremamente spiacevoli per il resto delle persone che si trovano nella residenza, quindi le pulizie devono essere effettuate immediatamente.

Infine, dobbiamo essere consapevoli che la mobilità di queste persone è ridotta, e può darsi che in molte occasioni abbiamo problemi a pulire alcune stanze, o addirittura ostacoliamo gli stessi anziani nella loro vita quotidiana.

Pulire le diverse aree di una casa di cura

La prossima cosa che dobbiamo prendere in considerazione sono le diverse aree che ha una casa di cura perché, a seconda delle sue caratteristiche, sarà necessario utilizzare una procedura o un’altra. In primo luogo, analizzeremo le sezioni che troviamo non appena entriamo nella casa di riposo.

Queste sono la hall, la reception, l’ascensore, le scale e le sale d’attesa. Queste aree ricevono molti visitatori ogni giorno, quindi è necessario pulirle ogni giorno. I dormitori devono essere puliti e disinfettati ogni giorno. Che abbiano o meno un bagno privato.  Inoltre, dobbiamo tenere conto delle situazioni particolari che gli anziani stessi causano.

Dobbiamo inoltre effettuare le pulizie quotidiane in cucina e in sala da pranzo, poiché sono zone dove si concentrano molti utenti. Si consiglia inoltre di effettuare una pulizia generale degli stessi ogni 15 giorni. Anche il soggiorno ha bisogno di una pulizia giornaliera. Dobbiamo tenere presente che gli anziani trascorrono gran parte del loro tempo in queste stanze.

Quale protocollo di pulizia viene seguito in una casa di cura

Le funzioni di un addetto alle pulizie in una residenza sono di vitale importanza per il funzionamento del centro e per la stabilità emotiva e la salute degli anziani. Pertanto, i protocolli di pulizia nelle residenze sono ben consolidati ed è importante seguirli alla lettera. Le autorità sanitarie richiedono che i pavimenti e le superfici vengano puliti e disinfettati quotidianamente, in quanto sono spazi e oggetti che gli utenti utilizzano in ogni momento.

Per lo stesso motivo, è necessario rimuovere ciò che si è accumulato nei cassonetti e prestare particolare attenzione alle sale da pranzo e alle cucine professionali, poiché questi luoghi sono fonte di trasmissione di malattie se non si presta attenzione. Tutto questo deve essere integrato da un adeguato protocollo d’igiene personale nelle case di riposo, rivisto dagli operatori sanitari come gli assistenti infermieristici, che sono tutto il giorno al fianco degli anziani ricoverati nei centri.

Prodotti e procedure per la pulizia nelle case di riposo

Affinché la pulizia nelle case di riposo sia scrupolosa ed elimini ogni residuo o elemento che possa essere dannoso per i residenti, è necessario utilizzare prodotti e macchinari professionali della migliore qualità, oltre che affidarsi a una impresa esperta, come noi di Eco-ambiente. Tutto deve essere orientato all’eliminazione di batteri, funghi, ecc. Per questo motivo è sempre consigliabile puntare su prodotti fungicidi e antibatterici.

Infine, è importante che i gestori di questi spazi abbiano un controllo esaustivo delle attività di pulizia svolte, nonché un fascicolo in cui sia registrato chi, come e quando ha svolto le diverse azioni di disinfezione e adeguamento del comune stanze, cucine e stanze. È il modo migliore per garantire la salute degli anziani.

Per pulire i pavimenti, consigliamo di utilizzare un sistema a doppio secchio, dove utilizzeremo un secchio per il prodotto detergente e l’altro per risciacquare con acqua. È molto importante segnare le parti della pavimentazione bagnate per evitare incidenti con gli anziani. Per pulire i mobili dobbiamo utilizzare prodotti per la pulizia diversi a seconda del tipo di superficie.

Dopo aver pulito i bagni, bisogna asciugare bene tutti gli elementi per evitare la formazione di funghi. Per evitare contaminazioni da malattie diverse, consigliamo di utilizzare panni diversi per ogni tipologia di stanza. In questo modo ci assicureremo che i batteri non possano essere trasferiti da una stanza all’altra.

Consigliamo infine di ventilare per qualche minuto tutti gli spazi della residenza per dissipare i cattivi odori e mantenere un ambiente più puro e pulito.

Prenota oggi stesso una consulenza.

Piano per una corretta pulizia dei ristoranti

Piano per una corretta pulizia dei ristoranti

Quando usciamo a pranzo o a cena, non vorremmo mai trovare un ristorante sporco o in cattive condizioni. Uno degli aspetti più importanti per considerare un ristorante di livello, sono la sua pulizia e l’aspetto. Ma non basta avere una sala pulita.

La cucina, i macchinari usati e altri utensili devono essere a loro volta puliti. Anche se non dobbiamo dimenticare finestre, giardini e servizi igienici. Ci sono inoltre anche altri aspetti legati alla pulizia e alla disinfezione: elementi che i clienti non sono in grado di controllare, ma che devono comunque essere presi in considerazione.

Aspetti da considerare durante la pulizia dei ristoranti

Frequenza di pulizia

La frequenza con cui andremo a pulire le strutture del ristorante è uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione. Sia la cucina, la sala da pranzo che i servizi igienici devono essere puliti e disinfettati dopo ogni servizio prima della chiusura. Altre aree, come finestre, giardini o elementi decorativi, non dovranno essere pulite quotidianamente.

Dipenderà dalle esigenze di ogni ristorante e zona.

Prodotti e applicazioni

Per la corretta pulizia e disinfezione di un ristorante è fondamentale utilizzare prodotti professionali in grado di rimuovere ogni traccia di sporco e disinfettare a fondo. Non avere i prodotti giusti può giocare un brutto scherzo sullo stato del nostro ristorante. Senza dubbio, scommettere su prodotti di qualità è l’opzione migliore.

Attrezzature e utensili

Gran parte delle attrezzature di un bar o di un ristorante devono essere pulite dopo ogni utilizzo, in particolare quelle che cucinano cibi diversi. In questi casi, dovrebbero essere puliti dopo ogni utilizzo poiché i diversi cibi potrebbero avere un sapore inalterato.

Nel caso di posate, stoviglie e altri utensili da cucina, va da sé che devono essere adeguatamente lavati dopo ogni utilizzo con acqua molto calda e prodotti per la pulizia adeguati. Consigliamo di utilizzare, quando possibile, una lavastoviglie industriale. In questo modo ci assicureremo che la pulizia effettuata sia corretta e che tutte le tracce di cibo siano state rimosse.

La pulizia dei ristoranti va fatta una volta finita la giornata

La pulizia dei ristoranti va fatta una volta finita la giornata. In quel momento, tutti gli utensili e le superfici che sono stati a contatto con gli alimenti devono essere pulite e igienizzate. 

Vediamo insieme alcune pratiche per la corretta pulizia e disinfezione del ristorante, tenendo conto di aspetti quali:

  • Prima della pulizia e della disinfezione, il cibo deve essere rimosso e coperto per prevenire la contaminazione.
  • Le attrezzature e gli utensili devono essere protetti e posti preferibilmente in alto. 
  • Bisogna prestare attenzione anche alla pulizia e alla disinfezione delle maniglie e dei contenitori, nonché degli interruttori e dei rubinetti, che spesso vengono toccati con le mani.
  • Anche le superfici come finestre, pareti, soffitti, zanzariere, ecc. devono essere accuratamente pulite e disinfettate con la frequenza necessaria per evitare i rischi derivanti dalla contaminazione incrociata.
  • Le apparecchiature composte da più pezzi (ad esempio microonde con stoviglie) dovranno essere smontate, in modo da garantire che siano efficacemente pulite e adeguatamente disinfettate.
  • Dopo il risciacquo, le attrezzature e gli utensili devono essere asciugati all’aria ed evitando l’umidità, poiché questa favorisce la crescita di microrganismi.

Perfetta manutenzione di finestre e giardini nei ristoranti

Se una parte importante del nostro ristorante è all’esterno, è molto probabile che venga decorata con fiori, cespugli, alberi o persino erba se si tratta di un giardino. In questi casi è fondamentale prestare attenzione alla manutenzione dei giardini e degli spazi esterni, poiché tendono ad attirare un gran numero di persone e rappresentano un valore aggiunto per la nostra attività.

Se abbiamo una grande vetrina, dobbiamo tenere conto che sarà la vetrina del nostro ristorante. Per pulire i vetri di grandi dimensioni dovremo seguire una serie di linee guida:

  • Avere i prodotti giusti: Se vogliamo evitare che restino tracce di sporco sui vetri, dovremo utilizzare un sapone adeguato, avendo cura della dose a seconda delle dimensioni del serramento. Altrimenti, avremmo bisogno di spendere un po’ di tempo in più per risciacquare e rimuovere la schiuma del sapone.
  • Materiale adatto a ogni occasione: All’inizio è conveniente utilizzare un panno in microfibra per stendere il sapone su tutto il vetro. Molto importante sarà anche lo strumento con cui si procede al chiarimento. Puntiamo sempre su un detergi vetro professionali con una maniglia che ci permette di raggiungere tutti i punti di una finestra.
  • Frequenza delle pulizie: La periodicità della pulizia dei vetri è molto ambigua, poiché a seconda della posizione del ristorante sarà necessario farla più o meno frequentemente. Nelle città dove piove spesso, sarà necessario pulirli più frequentemente, poiché rimarranno i segni delle gocce d’acqua. Sarà inoltre necessario aumentare la frequenza nelle città dove c’è più inquinamento.

Affinché il nostro giardino o gli esterni siano in perfette condizioni e curati, dovremo controllare bene le stagioni di potatura, concimazione e caduta delle foglie. Tenendo conto di tutti questi suggerimenti, sia la manutenzione di base che la disinfezione e la pulizia dei ristoranti, i tuoi locali saranno un luogo in cui i tuoi clienti vorranno tornare più spesso.

Se vogliamo invece affidarci a dei professionisti o vogliamo evitare possibili problemi di salute, è fondamentale affidarsi a un’impresa di pulizie (come noi di Eco-Ambiente) di qualità che sia esperta nel servizio da svolgere.

Prenota oggi stesso una consulenza.

come lavare i tappeti a secco

Come lavare a secco i tappeti

I tappeti offrono un tocco decorativo speciale, eleganza e comfort nelle nostre case e negli spazi di lavoro. Tuttavia, mantenere un tappeto in un corretto stato di pulizia, cura e igiene può diventare un compito difficile dove la soluzione migliore è spesso quella di avere un servizio di pulizia professionale, come noi di Eco-Ambiente.

Sebbene le persone utilizzino spesso metodi convenzionali, il lavaggio a secco è spesso la cosa più sensata da fare. 

Vantaggi per i tappeti con il lavaggio a secco

Pulire a secco un tappeto significa evitatare d’inumidirlo e, soprattutto, di utilizzare acqua nel processo di pulizia.

Il lavaggio a secco dei tappeti presenta alcuni vantaggi rispetto ad altri metodi di pulizia:

  • Eviteremo l’odore di umidità e/o la comparsa di muffa nel tessuto del tappeto.
  • Non è necessario attendere, come altri metodi di pulizia dei tappeti, le 24 o 48 ore stimate affinché il tappeto si asciughi.
  • Possiamo utilizzare il tappeto, in perfette condizioni, subito dopo essere stato lavato a secco.
  • È un metodo rapido ed efficace per pulire e mantenere i nostri tappeti.
  • Non è necessario chiudere lo spazio dove si trova il tappeto durante e subito dopo il lavaggio a secco del tappeto.
  • Si può fare in qualsiasi momento indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, non abbiamo bisogno di tempi di asciugatura.
  • Non c’è deterioramento del tappeto.
  • Non utilizza prodotti aggressivi o tossici per la pulizia, quindi non genera reazioni allergiche o irritazioni da contatto.

Oltre a tutto questo, grazie a un lavaggio a secco del tappeto effettuato da servizi professionali, possiamo risparmiare facendo in modo che i tempi di pulizia siano brevi e che non sia necessario alcun tipo di attesa successivamente per l’utilizzo del tappeto. Quindi possiamo mantenere la normale attività nello spazio in cui ci si trova.

Come lavare a secco un tappeto

Non tutti i tappeti possono essere puliti con il tradizionale sistema di pulizia con acqua e sapone. Questo perché, soprattutto quelli molto più pesanti, tendono ad aumentare di peso quando si bagnano, rendendo impossibile il risciacquo. Inoltre, lasciarli molto tempo bagnati, favorirà la crescita della muffa.

Acqua e sapone non sono sempre soluzioni sicure. Per questo tipo di situazioni, il lavaggio a secco è la soluzione migliore. Esistono diversi metodi di pulizia, a seconda del tipo di macchia che vogliamo trattare. Li riassumiamo in 5 metodi.

Metodo cappa

Uno dei metodi di lavaggio a secco più comuni è la cappa, che funziona perfettamente per pulizie rapide. Prima di eseguirlo, dovresti aspirare l’area interessata. Questo servirà per rimuovere lo sporco. Concentrati maggiormente sulle aree che vengono utilizzate più spesso. Ad esempio, se è un tappeto che copre l’intero pavimento, guida la tua attenzione nelle parti che portano alla porta o nei luoghi di maggior traffico. 

Metodo a polvere secca

Puoi anche usare polvere secca mescolata con una soluzione per la pulizia dei tappeti. Basta distribuire la miscela sulla zona sporca e utilizzare una spazzola rotonda per strofinare l’area. Infine, aspira e avrai un tappeto pulito.  Il vantaggio principale di questo metodo è che non è necessario alcun tempo di asciugatura.

Metodo d’incapsulamento

Questo è un concetto relativamente nuovo nel lavaggio a secco dei tappeti e prevede un sistema che utilizza un agente pulente e un agente cristallizzante. Tutto quello che devi fare è spruzzare la miscela sullo sporco e presto le particelle di sporco saranno incapsulate fino a quando non si asciugheranno e saranno spazzate via.

L’incapsulamento fa sì che il tappeto rimanga pulito più a lungo. 

Metodo a schiuma secca

Un altro modo per pulire il tuo tappeto è usare la schiuma secca. Tutto quello che devi fare è spruzzare la schiuma su tutti i punti sporchi e lasciarla riposare per circa 30 minuti. Successivamente, aspira il tappeto. Con questa procedura non devi preoccuparti dei residui. Inoltre, non è necessario risciacquare e la sostanza tende a ricoprire grandi aree senza problemi.

Tuttavia, è necessario strofinare correttamente in modo che la pulizia venga eseguita correttamente.

Metodo di lavaggio a secco composito

I tappeti sporchi possono anche essere lavati a secco con un composto detergente che ha una consistenza simile alla segatura bagnata e ha un forte odore di agrumi. Spazzolare il prodotto sul materiale sporco in modo che aderisca allo sporco. Infine, aspira lo sporco e la miscela secca e avrai un tappeto completamente pulito.

Servizi professionali di lavaggio a secco di tappeti

Avere un servizio di lavaggio a secco professionale per il tuo tappeto, che sia a casa, in ufficio o in qualsiasi altro spazio, garantisce anche il rispetto di tempi brevi che ti permetteranno di utilizzare istantaneamente il tappeto e la stanza in cui si trova. Mantenere un tappeto in buone condizioni garantisce stile e comfort, oltre che essere igienico.

Pertanto, l’esecuzione di una procedura di pulizia è la più opportuna per evitare che si rovini, si consumi nel tempo o si scolorisca al punto da risultare irriconoscibile. 

Prenota oggi stesso una consulenza.

Come pulire le persiane in legno

Come pulire le persiane in legno

Una volta montate le vostre bellissime persiane, vorrete sicuramente assicurarvi che rimangano in ottime condizioni per molto tempo. Tuttavia, i prodotti in legno non sopportano al meglio l’umidità eccessiva. Il legno è una fibra naturale che reagisce spesso gonfiandosi e poi ritirandosi quando si asciuga. Questo può provocare a lungo andare delle deformazioni, che a loro volta portano a persiane non perfettamente aderenti.

Persiane in legno: meglio evitare l’acqua

Per questo motivo, non di Eco-Ambiente vi consigliamo di utilizzare poche quantità di acqua o soluzioni detergenti liquide per pulire le persiane in legno. Una pulizia leggera con un panno pulito e asciutto è sufficiente per la maggior parte della polvere e dei residui quotidiani.

Prendete quindi un panno in microfibra asciutto o uno spolverino e passatelo lungo le lamelle per rimuovere la polvere.

È sufficiente inclinare le lamelle in posizione aperta e strofinare ogni lamella dal centro al bordo esterno. In alternativa, se il tempo a disposizione è limitato, regolate le lamelle in posizione chiusa e passate un panno pulito su tutte le lamelle e sul telaio.

Utilizzate uno spazzolino da denti pulito e morbido per rimuovere eventuali residui accumulati negli angoli.

La polvere può accumularsi negli angoli del telaio e alle estremità. Spingetela delicatamente fuori con uno spazzolino asciutto e pulito e asciugatela con un panno asciutto.

Usare un panno umido per qualsiasi altro segno o macchia.

In caso di macchie ostinate

Per le macchie appiccicose e ostinate che non si riescono a rimuovere con un panno asciutto, strofinate leggermente con un panno umido fino a quando la macchia non si solleva. Non strofinate troppo forte e non utilizzate prodotti detergenti per non intaccare la vernice o la finitura delle persiane. Una volta rimossa la macchia, eliminate l’umidità in eccesso con un panno pulito e asciutto.

Pulizia delle persiane con l’aspirapolvere

In alternativa, è possibile pulire le persiane con l’aspirapolvere, a condizione che sia dotata di un attacco morbido. Pulite le lamelle come fareste con uno spolverino, aprendo le lamelle per pulirle ciascuna, oppure chiudendole e spazzolando l’intera persiana. È possibile utilizzare l’accessorio anche per pulire leggermente il bordo del telaio.

Speriamo che questi suggerimenti di pulizia delle persiane vi siano utili. In caso volete invece rivolgervi a dei professionisti, non esitate a contattarci.

Prenota oggi stesso una consulenza.

5 consigli efficaci per mantenere pulite le vetrine del negozio

5 consigli efficaci per mantenere pulite le vetrine del negozio

Un negozio pulito è fondamentale per il successo della vostra attività. La pulizia crea un’immagine positiva; di conseguenza, i clienti si sentono più a loro agio entrando in un negozio pulito. D’altra parte, un negozio sporco non ispira fiducia e la maggior parte delle persone non sono tentate a visitarlo.

Mantenere una vetrina pulita è particolarmente importante per creare un’ottima prima impressione. Ogni giorno la vetrina è esposta a polvere, sporcizia, escrementi di insetti e agenti atmosferici, per cui le finestre e le porte si sporcano rapidamente.

Se volete mantenere una vetrina sempre pulita, date un’occhiata a questi consigli di pulizia delle vetrine da parte di una azienda professionista come noi di Eco-ambiente.

Perché è necessario mantenere pulite le vetrine e le porte dei negozi

I vantaggi di mantenere pulite le vetrine e le porte dei negozi sono molti.

  • Le vetrine e le porte del negozio pulite creano un’immagine positiva. La vetrina del negozio è la prima cosa che i passanti vedono. Una facciata pulita e ordinata contribuisce molto al fascino generale del negozio.
  • Aumentano la visibilità del negozio e dei prodotti. Quasi tutti i negozi hanno porte e finestre in vetro trasparente. Se sono unte e coperte di polvere, le persone non saranno in grado di vedere chiaramente la vostra esposizione o di sbirciare all’interno del vostro negozio. Questo riduce la possibilità che i potenziali clienti entrino nel vostro negozio.
  • Contribuiscono a migliorare la salute dei dipendenti. Le finestre sporche riducono la quantità di luce naturale che filtra nel negozio. Inoltre, possono introdurre contaminanti nell’aria che abbassano la qualità dell’aria interna. La mancanza di luce naturale e la scarsa qualità dell’aria interna possono avere effetti nocivi sulla salute fisica e mentale delle persone e dei dipendenti.
  • Attirano più clienti. La maggior parte delle persone evita i luoghi che sembrano sporchi e malandati. Se la vostra vetrina ha questo aspetto, non aspettatevi che molte persone vengano a visitare il vostro negozio.

Consigli per mantenere pulite le vetrine dei negozi

Seguite questi consigli per assicurarvi che le porte e le finestre del vostro negozio siano sempre pulite.

Procuratevi la giusta attrezzatura per la pulizia delle vetrine. Per iniziare bene, è importante disporre dell’attrezzatura essenziale per la pulizia aziendale. Considerate di investire in strumenti e forniture per la pulizia dei vetri di alta qualità, simili a quelli utilizzati da noi professionisti.

Le attrezzature professionali per la pulizia dei vetri possono essere più convenienti, accessibili e facili da usare di quanto si pensi. Sono anche incredibilmente durevoli, il che li rende un valido investimento.

Ecco gli strumenti essenziali per rendere le finestre perfettamente pulite:

  • Secchio largo
  • Seccatoio
  • Spazzole
  • Raschietti
  • Stracci senza pelucchi
  • Aste telescopiche
  • Lame di gomma di ricambio
  • Tergivetro

È possibile trovare attrezzi e forniture di qualità nella maggior parte dei negozi di ferramenta, ma la cosa migliore è acquistare da un venditore di fiducia di articoli per la pulizia dei vetri.

Usa i prodotti giusti

Esistono numerosi prodotti per la pulizia di diverse superfici. Molte finestre e porte di negozi con doppi vetri di Milano sono fatte principalmente di vetro.  È possibile acquistare una soluzione specializzata per la pulizia dei vetri o crearne una propria. Nella maggior parte dei casi, è sufficiente un detersivo liquido per piatti mescolato con acqua.

Alcuni usano anche aceto e acqua. Se si usa un tergivetro, è meglio usare la miscela detergente-acqua perché crea una schiuma che permette all’attrezzo di scivolare meglio sul vetro.

Suggerimento: utilizzate acqua fredda per pulire i vetri, perché l’acqua calda evapora più rapidamente, riducendo il tempo di pulizia. Inoltre, utilizzate acqua purificata perché l’acqua non purificata può lasciare striature se non si asciuga completamente.

Seguire il modo corretto di pulire le superfici

I professionisti dispongono di tecniche per garantire una superficie priva di striature dopo la pulizia e per pulire ogni centimetro, compresi i bordi, nel minor tempo possibile. Di solito preparano in anticipo tutto ciò di cui avranno bisogno per la pulizia, in modo da non dover andare avanti e indietro a prendere un attrezzo.

Preparate l’attrezzatura nel secchio. Mescolate la soluzione detergente prima di recarvi sul luogo in cui dovete pulire, nel caso in cui non abbiate una rete idrica nelle vicinanze. Preparate anche stracci di riserva e lame di gomma per il tergivetro.

Imparate a usare gli strumenti per la pulizia dei vetri prima di affrontare il vostro primo lavoro. In questo modo sarà possibile ridurre al minimo i tempi di pulizia e prevenire eventuali danni. Alcuni strumenti, come il raschietto e le aste girevoli, richiedono attenzione, precisione e un po’ di pratica per essere utilizzati in modo efficace.

Pulire le finestre (e le porte) ogni giorno

La pulizia regolare delle finestre è fondamentale per garantire che la vostra vetrina sia sempre immacolata. Non è necessario pulire tutto a fondo ogni giorno, ma è necessario lavare quotidianamente le finestre e le porte. Sporcizia, polvere, detriti e olio possono accumularsi sui vetri delle finestre e delle porte alla fine della giornata, quindi è necessario pulirli sempre, altrimenti avranno un aspetto sporco. Inoltre, è necessario disinfettare porte e maniglie più volte al giorno per garantire la salute e la sicurezza delle persone che entrano ed escono dal negozio.

Investire in un servizio di pulizia professionale

Ci sono molte aree che voi o i vostri dipendenti non siete in grado di pulire bene come un professionista della pulizia dei vetri. Se il vostro negozio ha finestre alte o un secondo piano, è meglio affidare questi lavori a dei professionisti, come noi di Eco-Ambiente, per evitare incidenti e ottenere risultati migliori.

Noi di Eco-Ambiente disponiamo delle attrezzature e delle tecniche necessarie per affrontare ogni tipo di sporco. Considerate di investire in un servizio di pulizia commerciale almeno una volta al mese per dare alle vostre vetrine una pulizia approfondita, in modo da mantenere la facciata della vostra attività in buono stato e farla apparire accogliente per i clienti.

Prenota oggi stesso una consulenza.

Come eliminare i tonchi

Come eliminare i tonchi

A nessuno piace vedere gli insetti nella propria dispensa, tanto meno pensare che crescano e si moltiplichino tra gli alimenti. Ma è proprio quello che fanno i tonchi, quando ne hanno la possibilità. Membri della famiglia Curculionidae, i curculionidi sono in realtà coleotteri con alcuni interessanti aggiornamenti.

Tuttavia, con oltre 3.000 specie solo in Nord America, le dimensioni e l’aspetto dei curculionidi possono variare notevolmente. Le dimensioni variano da 3 millimetri a 10 millimetri. Ma se trovate insetti all’interno di sacchi di cereali, fagioli o semi, i responsabili sono probabilmente i tonchi.

Gli articoli più comunemente infestati sono i semi per uccelli, il cibo per animali domestici o i mangimi per animali selvatici contenenti semi o mais. Spesso l’infestazione inizia in garage o in cantina e poi si diffonde nella dispensa. In genere, i tonchi si trovano in un prodotto conservato da sei mesi o più.

Come entrano i tonchi in casa?

Questi parassiti di solito entrano in casa attraverso alimenti confezionati o prodotti sfusi. Una volta infiltratisi nella dispensa, i tonchi possono rimanere nascosti per un bel po’. I tonchi depongono le uova all’interno dei chicchi di cereali o di altri prodotti amidacei che sono abbastanza grandi da permettere alla larva di svilupparsi al loro interno. Per questo motivo rimangono nascosti per molto tempo.

Il ciclo di vita del tonchio è piuttosto interessante. In primo luogo, le femmine di tonchio depositano le uova sulla superficie di un cereale, di solito mais, riso, grano, fagioli o piselli. Quando la larva si schiude dall’uovo, striscia sul chicco fino a trovare un’apertura adatta e poi scava al centro del chicco. Una volta all’interno del chicco, la larva si nutre e si sviluppa. L’adulto emerge dallo stadio di pupa, esce dal chicco, cerca un adulto di sesso opposto e il processo ricomincia.

I tonchi sono nocivi?

Ora la domanda da un milione di euro: I tonchi sono pericolosi per l’uomo? Fortunatamente la risposta è no. Non sono noti per essere portatori di agenti patogeni che possono causare malattie. Anche se si utilizzano prodotti con all’interno uova di tonchio, feci o altro, non vi farà male. Inoltre, il processo di cottura elimina il rischio di malattie alimentari.

Come eliminare i tonchi

Il primo passo per eliminare i tonchi è buttare via i prodotti secchi da dispensa che prediligono. Le pupe, le larve e le uova sono piccolissime e di solito nascoste all’interno dei cereali, quindi non cercate di setacciare e rimuovere solo gli adulti. Sicuramente vi sfuggirà qualche giovane tonchio in crescita e il ciclo continuerà.

Non affidatevi esclusivamente a uno spray per insetti per uccidere i tonchi. Sconsigliamo inoltre l’uso di un’applicazione liquida residua, perché gli adulti possono essere rimossi fisicamente al contrario però delle larve.

E’ inoltre importante ispezionare le confezioni dei prodotti per verificare che non presentino segni di danneggiamento, come buchi, strappi o altro. Utilizzate i prodotti a base di cereali prima, piuttosto che dopo, e conservateli in frigorifero o nel congelatore per ottenere i migliori risultati.

A volte i tonchi possono estendere il loro “regno di terrore” al di fuori della dispensa. Questo perché sono particolarmente longevi nella loro fase adulta, quindi è comune vederli vagare per casa per diversi mesi dopo che sono state adottate le misure appropriate. L’aspirapolvere è il modo migliore per affrontare questi adulti ribelli.

Se persistono, rivolgetevi a dei professionisti, come noi di Eco-Ambiente. Rivolgersi a un professionista della disinfestazione può darvi tranquillità e fiducia. Un nostro tecnico sarà in grado di identificare il tipo di tonchio presente e di creare un piano di trattamento specifico per liberarvi la casa.

Prenota oggi stesso una consulenza.

11 consigli per una pulizia efficiente della casa

11 consigli per una pulizia efficiente della casa

Tutti odiano pulire, ma tutti amano una casa pulita. Esiste un modo migliore per pulire la casa velocemente?

La maggior parte dei “principianti” non è sicura di dover spolverare o passare l’aspirapolvere per prima. Si chiedono se devono pulire la cucina prima del bagno o viceversa. Seguite questa guida passo passo, basata su anni di esperienza di una società di pulizie come la nostra, per sfruttare al meglio il vostro tempo e pulire la casa più velocemente.

1. Pulire tutta la casa, non una stanza alla volta

Le pulizie sono molto più efficienti se si sceglie un compito (spolverare, passare l’aspirapolvere, lavare i panni) e si esegue lo stesso compito in ogni stanza della casa, piuttosto che pulire la cucina, il bagno e poi le camere da letto. In questo modo si evita di sentirsi in un ciclo di pulizia infinito, ricominciando sempre lo stesso compito.

2. Raccogliete tutti gli attrezzi per la pulizia in un cestino

Che si tratti di un cestino, di un secchio o di una borsa, avere tutto ciò che serve per pulire in un unico posto rende molto più facile portare a termine il lavoro. Non si perde tempo a cercare gli attrezzi mentre si pulisce e non ci si deve preoccupare di raccoglierli prima del prossimo giro.

3. Liberare dal disordine

Prima ancora di iniziare le pulizie, andate di stanza in stanza e togliete il disordine. Mentre raccogliete ogni oggetto (riviste, libri letti, vecchie scarpe da ginnastica), valutate se è il caso di metterlo via, buttarlo o donarlo.

4. Spolverare e passare l’aspirapolvere

Prima di iniziare a spolverare, assicuratevi che condizionatori o ventilatori siano spenti. Concentrate la spolverata sulla parte superiore dei mobili e sulla parte inferiore degli scaffali, sui corrimano, sulle cornici, sui soprammobili e sugli schermi del televisore. Per le aree difficili da raggiungere, come le persiane e gli scaffali superiori, legate un panno in microfibra all’estremità di uno spazzolone o di una scopa. Cambiate le lenzuola nelle camere da letto prima di passare l’aspirapolvere.

5. Pulire gli specchi e i vetri

Utilizzare un panno in microfibra umido, seguito da un panno asciutto per pulire tutti gli specchi e le superfici in vetro.

6. Disinfettare i piani di lavoro e le superfici

Esaminate la casa e pulite le superfici dure, dai piani di lavoro, agli elettrodomestici, agli armadietti, alle maniglie delle porte, agli interruttori della luce, ai telecomandi della TV e ai telefoni. Dovreste disinfettare alcune di queste superfici, in particolare quelle che potrebbero trasmettere i germi alle mani e al viso delle persone. Preparate una soluzione disinfettante non tossica mescolando da un quarto a mezza tazza di aceto bianco o di sidro di mele con un secchio d’acqua.

7. Concentrarsi su vasche, lavandini e gabinetti

Spruzzate il detergente sul lavello della cucina e poi su lavandini, vasche e gabinetti del bagno. Lasciate riposare per qualche minuto in modo che il detergente abbia il tempo di sciogliere lo sporco e le macchie. Quindi tornate in cucina e iniziate a strofinare. Non dimenticate di pulire l’interno del microonde. Pulite i bagni per ultimi.

8. Prima spazzare, poi passare lo straccio

Spazzate i pavimenti della cucina e del bagno. Iniziate a pulire dall’angolo più lontano della stanza e procedete all’indietro verso l’ingresso. Risciacquate il mocio ogni volta che completate un’area di 4 metri per 4.

9. Muoversi quando si passa l’aspirapolvere

Quando passate l’aspirapolvere non preoccupatevi di raggiungere ogni angolo. Continuate a muovervi per la casa, passando l’aspirapolvere in ogni stanza con la moquette in un unico passaggio.

Alcuni compiti non devono essere svolti ogni settimana. Tra questi, la ceratura dei mobili, la pulizia delle finestre e il lavaggio di tappeti e tappetini da bagno.

10. Non dimenticate di lavare regolarmente gli strumenti di pulizia

Una parte spesso trascurata della pulizia della casa è la manutenzione degli strumenti di pulizia. Usare un mocio sporco o un aspirapolvere con il sacco pieno è molto meno efficace e si finisce per passare più tempo a pulire.

11. Fare delle pulizie un’attività di gruppo

Fare delle pulizie un lavoro di squadra è uno dei modi migliori per pulire casa velocemente. Programmate un orario in anticipo con la vostra famiglia e assegnate i compiti a ciascuno. Lavorare insieme può aggiungere un po’ di divertimento alle pulizie e la casa sarà splendida e splendente in pochissimo tempo.

Seguite questa guida passo dopo passo per sfruttare al meglio il vostro tempo e pulire la casa velocemente o altrimenti rivolgetevi a persone esperte della pulizia, come noi di Eco-ambiente. Prenota oggi stesso una consulenza.

Come rimuovere la muffa dai muri

Come rimuovere la muffa dai muri

Eliminare la muffa dai muri di casa nostra quando fa la sua comparsa è importante per evitare successivi problemi di salute. La muffa è un tipo di fungo e la sua proliferazione può causare malattie respiratorie nelle persone. Esistono vari prodotti chimici e naturali per risolvere questo problema, causato principalmente dall’eccesso di umidità.

Se un giorno dovessi trovare della muffa nera, grigia o verde su un muro, devi agire in fretta, sradicare il problema. Delle 100.000 specie conosciute di funghi, circa 500 sono dannose per l’uomo, poiché le loro spore sono allergeniche o tossiche e favoriscono bronchite, asma e tosse. 

L’esposizione ad ambienti umidi e ammuffiti può causare una serie di effetti sulla salute o del tutto assenti. Alcune persone sono sensibili alle muffe e possono avere congestione nasale, irritazione alla gola, tosse o respiro sibilante, irritazione agli occhi o, in alcuni casi, irritazione della pelle.

Cos’è la muffa?

Le muffe sono organismi fungini e microscopici che possono prosperare in qualsiasi ambiente umido. In natura, la muffa è importante. Distruggono la materia organica morta e aiutano a rigenerare il suolo. La muffa è solitamente nera, marrone, verde, gialla o bianca, occasionalmente arancione o rosa.

La muffa cresce in colonie e inizia a formarsi su una superficie umida dopo 24-48 ore. Crea spore di muffa, che si disperdono nell’aria e possono atterrare su superfici vicino alla fonte originale. Ciò è fastidioso, perché possono diffondersi alla stessa velocità di un incendio.

Pulisci e rimuovi la muffa dalle pareti di casa

La muffa si forma a causa dell’umidità in eccesso sui muri delle case. Quindi, prima di tutto, dovremo identificare l’origine di quell’umidità, che può essere per filtrazione, condensazione o capillarità. Chiarito questo, dobbiamo evitare che nell’ambiente in cui si è formata la muffa continui a prodursi umidità.

Quindi, dobbiamo pulire l’area ammuffita e pulirla accuratamente. Come si dice, la muffa è un fungo e, oltre a essere antiestetica, può causare alcuni problemi di salute. Quindi, vediamo come rimuovere quelle macchie di muffa malsane senza danneggiare la pittura sulla parete interessata.

Rimedi casalinghi per rimuovere la muffa

Se hai un problema di muffa in casa (più di un metro quadrato coperto di muffa), chiama un’azienda specializzata come noi di Eco-Ambiante per risolverlo. Abbiamo uno speciale equipaggiamento protettivo per evitare che si diffonda ulteriormente; possiamo utilizzare prodotti speciali; possiamo rilevare le spore di muffa nell’aria; e, soprattutto, sappiamo esattamente come eliminare l’intero problema, non solo ciò che è visibile a occhio nudo.

Per cercare di risolvere il problema col fai-da-te:

  • Bicarbonato di sodio. Un prodotto naturale con proprietà fungine è il bicarbonato di sodio, che è anche assorbente. Un rimedio casalingo economico. Diluire in acqua, applicare sulla zona interessata, attendere qualche minuto e strofinare con un panno umido
  • Aceto bianco. L’aceto è antibatterico e ha anche proprietà antimicotiche, il che lo rende un’alternativa per arginare il problema della muffa. In questo caso possiamo spruzzarlo direttamente sulla macchia, senza alcun tipo di diluizione (attendere una o due ore) e poi strofinarlo con un pennello.

Se il problema persiste, puoi sempre scegliere di utilizzare prodotti per la pulizia antimuffa e vedere se questo lo risolve. 

Raccomandazioni per prevenire la ricomparsa della muffa

La prevenzione è fondamentale e il modo più semplice per trattare la muffa è prevenirne la formazione. La muffa prospera grazie all’umidità, quindi se riesci a controllare l’umidità nella tua casa, non dovrai preoccuparti più di tanto.

  • Usa l’aspiratore in bagno. Ecco a cosa serve! L’estrattore aiuterà a rimuovere l’umidità in eccesso. Se non ne hai uno, lascia una finestra aperta
  • Pulisci regolarmente la tenda della doccia per ridurre i residui di sapone di cui si nutre la muffa.
  • Utilizzare cestini portaoggetti realizzati con materiali naturali e con fori che consentano il passaggio dell’aria in modo che l’umidità non si accumuli.
  • Appendi asciugamani e spugne umidi per farli asciugare completamente.
  • Pulisci le pareti e asciuga la vasca con un panno. È il modo migliore per rimuovere l’accumulo di acqua su piastrelle e altre aree in cui la muffa può accumularsi.
  • Aerare la casa e lasciare entrare il sole almeno una volta al giorno per almeno 15 o 20 minuti, in un momento in cui l’umidità all’esterno non è così alta.
  • Pulisci regolarmente: la muffa si trova spesso sotto strati di sporco, quindi una pulizia regolare aiuta a ridurre l’accumulo di polvere, riducendo anche le possibilità che si formino muffe.

Ora che sappiamo come rimuovere la muffa dai muri, vediamo come prevenirne la comparsa. Il fungo prolifererà nelle stanze dove predominano l’umidità e il calore. Un ambiente eccessivamente umido sarà sempre più soggetto a muffe che, con le giuste condizioni, possono comparire in sole 48 ore.

Per evitare i due elementi di cui si nutre la muffa (umidità e calore), dobbiamo fornire un’adeguata ventilazione all’ambiente. Nelle giornate non molto calde è consigliabile lasciare entrare la luce solare nella stanza, per mantenere asciutta la parete che ha avuto la muffa. In ambienti dove la ventilazione non è fattibile, come alcune cucine e bagni, l’ideale è mantenere asciutte le piastrelle e le fughe.

Questo è il modo migliore per prevenire l’accumulo di umidità e la formazione di muffe. Per questo tipo di spazio normalmente umido, sono disponibili sigillanti, vernici e siliconi antimuffa che impediranno la ricomparsa del fungo. Nei locali dove la ventilazione è impossibile e la luce naturale non arriva, una possibile soluzione è l’uso di deumidificatori.

Se desideri assumere un personale preparato alla eliminazione delle muffe, Eco-ambiente è la tua soluzione migliore. Prenota oggi stesso una consulenza.

Pulizia dei condotti dell'aria

Pulizia dei condotti dell’aria

È difficile discutere dell’importanza di avere ambienti con aria pulita. Probabilmente hai notato che ultimamente sta diventando un po’ più difficile respirare a casa tua, o che l’aria non ha un buon odore. I condotti dell’aria interna necessitano di una pulizia regolare per garantire le massime prestazioni ed efficienza.

I condotti dell’aria contaminati possono ospitare virus, batteri e altri potenziali germi, che possono danneggiare la salute. Mantenere te stesso e la tua famiglia al sicuro è una priorità, quindi prenditi del tempo per pulire i condotti dell’aria per prevenire problemi più seri in futuro. La pulizia dei condotti dell’aria, nonché la loro corretta manutenzione, è fondamentale per ottenere adeguate condizioni igieniche e di condizionamento degli edifici.

Da un lato, i condotti dell’aria devono essere puliti per ottenere le massime prestazioni, dall’altro è essenziale eliminare gli elementi contaminanti dall’aria che le persone respirano e, infine, una buona pulizia preverrà la sindrome dell’edificio malato. Molti edifici, case e uffici dispongono di sistemi di condizionamento e condizionamento costituiti da condotti dell’aria.

La pulizia e la disinfezione dei condotti dell’aria evitano la sindrome dell'”edificio malato”

Le innovazioni frutto di sofisticati processi d’industrializzazione, la ricerca del comfort e il miglioramento della qualità della vita dell’uomo; hanno portato a grandi invenzioni; ma allo stesso tempo hanno anche generato alti tassi di devastazione e contaminazione, essendo l’inquinamento atmosferico uno dei fattori che maggiormente influenzano le attività e la vita normale delle persone.

Secondo degli studi, l’aria interna è solitamente da due a cinque volte più inquinata di quella proveniente dall’esterno: un fatto sicuramente preoccupante poiché di solito vediamo troppo inquinamento per strada; causato da polvere, fumo di veicoli e industrie, tra gli altri elementi.

Indubbiamente si tratta di un grave errore, poiché l’aria (fredda, calda o fresca) verrà convogliata attraverso i condotti, per quanto necessario e nel caso in cui tali sistemi di trasporto siano contaminati da pollini, funghi, batteri, parassiti e altri bioinquinanti nocivi; tutti questi saranno assorbiti dalle persone che abitano nella proprietà.

Ci sono anche casi in cui la morte è avvenuta per questa causa. Della grande varietà di contaminanti che si accumulano e vengono trasportati attraverso i condotti, non c’è dubbio che quello organico costituisce uno dei più potenti contro la salute; poiché sono frequenti le malattie respiratorie la cui durata è prolungata, affliggendo praticamente tutti gli abitanti di questo ambiente per la loro capacità contagiosa.

Cosa sono i condotti dell’aria

I condotti dell’aria sono uno degli elementi più comuni negli impianti di condizionamento o condizionamento degli edifici. Grazie a loro, l’aria viene distribuita nei diversi ambienti di una casa o ha il compito di ventilare l’aria viziata di una stanza. 

Alcune case hanno condotti in alto sui muri e altri li hanno posizionati alla base dei muri. È necessario pianificare la pulizia di ciascuno di questi elementi in modo sistematico. Fondamentalmente, dovresti pulire stanza per stanza, a meno che tu non voglia farlo in modo casuale per impiegare più tempo nel processo di pulizia.

I tipi più utilizzati di condotti dell’aria sono realizzati in PVC o alluminio e hanno la caratteristica di essere flessibili. L’obiettivo è la pulizia e la rimozione dello sporco da microrganismi, polvere, funghi e residui che si accumulano all’interno dei condotti e negli impianti di ventilazione e condizionamento. Senza causare danni alla struttura del sistema.

Pulizia dei condotti dell’aria: normative e ispezioni

La pulizia dei condotti dell’aria non è solo una pratica consigliata per la salute delle persone e dell’edificio, è anche obbligatoria. Le norme UNE-EN 100012:2005 e UNE-EN 15780:2012 hanno il compito di stabilire i criteri per la sanificazione degli impianti di condizionamento e quindi dei condotti dell’aria, sia per quanto riguarda gli impianti di condizionamento (UNE-EN 100012:2005) che la pulizia dei sistemi di ventilazione (UNE-EN 15780:2012).

L’ ispezione tecnica dei condotti dell’aria, in accordo con queste normative, viene effettuata con un robot specializzato dotato di telecamera che accede ai condotti per certificare lo stato igienico all’interno e individuare piccole perdite o placche di funghi o batteri.

Perché pulire i condotti dell’aria?

A parte i motivi sopra indicati, si consiglia di pulire i condotti dell’aria per i seguenti motivi:

  • Eviterai quegli odori sgradevoli prodotti dalla mancata pulizia del condotto dell’aria.
  • La contaminazione microbica nell’aria interna viene eliminata.
  • Ridurrai il consumo di energia rendendo il sistema di condizionamento più efficiente.
  • La casa o l’ufficio saranno più confortevoli a livello ambientale.
  • Per il certificato di qualità dell’aria interna.
  • Rispetterai le normative obbligatorie vigenti.

Come sono puliti i condotti dell’aria?

La pulizia dei condotti dell’aria viene effettuata attraverso metodi che possono essere applicati singolarmente o in combinazione:

  • Con sistema di spazzolatura meccanica.
  • Per aspirazione per contatto.
  • Ad aria pressurizzata attraverso un sistema di ugelli con camera.

Il processo di pulizia consiste nei seguenti passaggi:

  • Rimozione, decontaminazione e posizionamento dei diffusori di mandata dell’aria.
  • Pulizia interna dei condotti.
  • Disinfezione interna dei condotti.
  • Registrazione della pulizia nei condotti, se necessario.

Consigli

È una buona idea tenere un taccuino di “manutenzione regolare” in modo da poter registrare i lavori di pulizia regolari. Dovresti includere la pulizia dei condotti come parte di questo e tenere conto delle stanze interessate. Se per qualche motivo non sei stato in grado di pulire i condotti in una determinata stanza, puoi tornare a quel primo programma di pulizia.

Pulisci i condotti dell’aria ogni tre mesi se sei interessato a garantire la qualità dell’aria.

Avvertimenti

  • L’accumulo di sporco che scorre attraverso i condotti dell’aria interna fa circolare le particelle che possono danneggiare o sporcare mobili, dispositivi elettronici e vestiti.
  • Non cercare di pulire da solo le canalizzazioni che hanno muffa, insetti o polvere eccessiva. Per questo compito, sarebbe meglio assumere un professionista.

Se desideri assumere un personale addetto alle pulizie dei tuoi condotti dell’aria Eco-ambiente è la tua soluzione migliore. Prenota oggi stesso una consulenza.