Articoli

Coronavirus: come difendere la casa dalla contaminazione

Come difendere la casa dalla contaminazione durante il Coronavirus? ti aiutiamo noi con Eco-Ambiente

Come può essere trasmesso il Coronavirus in casa

Il  Covid-19 o Coronavirus si sta espandendo sempre di più in tutto il mondo. Quindi, approfittane per capire come mantenere la casa lontana da ogni tipo di infezione.

La contaminazione avviene principalmente tramite goccioline di saliva che fuoriescono durante uno starnuto o un colpo di tosse. Anche gli oggetti possono definirsi tramiti per la trasmissione del virus.

Per esempio se l’infetto starnutisce vicino a qualsiasi oggetto può contaminarlo, di conseguenza se una persona lo tocca e in seguito si tocca il viso si può infettare.

Quindi pulire la casa dopo ogni ospite è essenziale. Riducendo così la quantità di contaminazione sulle superfici.

Cosa potrebbe essere contaminato in casa tua

Non sappiamo con certezza quanto il Coronavirus possa resistere sulle superfici e sugli oggetti della nostra casa. Quanto tempo sopravvive può dipendere dalla temperatura, dall’umidità e dalla composizione della superficie.

Ma cosa potrebbe essere contaminato nella tua casa?
Quando qualcuno tossisce o starnutisce, soprattutto se non si copre la bocca, è probabile che le superfici vicine siano contaminate. Bisogna fare attenzione principalmente agli oggetti che potrebbero essere toccati da tutti in casa. Le mani sono spesso responsabili del trasferimento di agenti patogeni da un luogo all’altro o da un oggetto all’altro. Disinfetta e pulisci ciò che può essere toccato di continuo.Alcuni esempi possono essere: telecomandi, maniglie, porte del frigorifero armadietti, superfici della cucina. Senza escludere naturalmente, telefoni e iPad, ma questi potrebbero non essere condivisi o toccati frequentemente da altri, ma in ogni caso sono sempre a contatto con le nostre mani.

Come e cosa usare per pulire e difenderci dal Coronavirus

Il Coronavirus è un germe che si espande con il nulla. Di conseguenza l’utilizzo di un semplice panno non può essere sufficiente.

Ma quindi come difendere la casa dalla contaminazione?
Per le superfici
Le superfici contaminate, potresti utilizzare un comune disinfettante domestico. Usa i guanti quando pulisci e ricordati di lavare le mani dopo la pulizia.
Non è importante solo quello che usi per pulire ma anche il modo in cui lo svolgi. Per evitare di ripassare sempre sulla stessa parte della superficie, aiutati passando il panno col disinfettante formando una “S”.
Le stoviglie
Utilizzare l’acqua calda e un detersivo per piatti. È consigliato l’uso della lavastoviglie perché può tollerare acqua molto più calda rispetto alle tue mani.
LAbbigliamento
Lavarla in lavatrice con acqua bollente e assicurati che si asciughi del tutto. Per non rovinare vestiti o altri materiali, guarda sempre le istruzioni del produttore. Evita di scuoterli prima di inserirli in lavatrice per evitare contaminazioni ulteriori.

 

Prevenire è meglio che curare

In primo luogo è meglio evitare che le superfici vengano contaminate.
Per facilitarti la pulizia in casa, stabilisci le regole del coprirsi la bocca per tosse e starnuti con gomito o fazzoletti, subito dopo lavati le mani.
Disinfetta spesso le mani, soprattutto dopo essere andati in bagno e prima di mangiare.

Cosa devo fare se è presente un contagiato nella mia famiglia?
Il malato dovrà restare in una stanza separata dalle altre per il resto della guarigione. La scelta migliore sarebbe infatti, (se ci sono le possibilità) quella di isolare il contagiato in una stanza vicino a un eventuale secondo bagno, così da vere meno contatti possibili. Per maggiori informazioni contattare il dipartimento della salute.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

come rendere i pavimenti lucidi

Non sai come rendere i tuoi pavimenti lucidi? In questo articolo troverai soluzioni per ogni tipo! Eco-Ambiente

Come rendere i pavimenti lucidi: Gres porcellanato

Il tuo pavimento è in Gres porcellanato e non sai come renderlo lucido? Niente paura, nonostante sia uno dei materiali più duri da rendere puliti al 100% noi qua abbiamo una soluzione!

Il giusto prodotto è un prodotto fatto di acqua che non utilizza solventi per reagire. Spruzzalo in superficie in grandi quantità fino ad avere una soluzione omogenea.

Non devi usare assolutamente i detersivi: a pensare a come togliere gli aloni e a testare i più importanti sul mercato non è servito a nulla, questo perché? Il problema è che il detersivo del supermercato contiene tensioattivi. I tensioattivi rimangono in superficie quando si lava un pavimento in gres porcellanato formando l’alone.

Come rendere i pavimenti lucidi: Il cotto

Prima dell’utilizzo di soluzioni o prodotti, spazza bene il tuo pavimento in cotto per evitare il grosso in seguito.

Miscelate due litri di acqua, mezzo bicchiere di aceto bianco e sapone neutro. Passa con un mocio e subito dopo utilizza un panno in microfibra per asciugarlo del tutto, il cotto infatti, tende ad assorbire l’acqua.

Se vuoi rendere lucidi anche i pavimenti più sporchi e ostinati, crea un composto di 5 litri di acqua, 10 cucchiai di aceto, 10 cucchiai di alcol etilico e 2 cucchiai di sapone per i piatti.

Una volta fatta la prima passata usa dell’acqua tiepida per ripassarlo.

Ricordati sempre di asciugarlo alla fine del lavoro.

Potete utilizzare questa miscela anche per la pulizia del pavimento in cotto esterno, sia di quello trattato che non trattato.

 

Come rendere i pavimenti lucidi: il parquet

La pulizia del parquet è sicuramente quella più complicata da mantenere.

Però se fatta con cura i risultati saranno splendidi.

Fondamentalmente sono tre i passaggi da svolgere:

  • Non rovesciare mai liquidi

Nel momento in cui dovesse caderti anche una minima quantità di liquido, assorbila subito con una spugna. L’acqua, penetrando nelle fessure potrebbe causare l’alzamento del legno e creare umidità.

  • La rimozione dello sporco

Lo sporco può causare graffi e rovinare la superficie del legno, quindi quotidianamente è consigliato di spazzare o aspirare la polvere.Controlla anche sotto i tappeti e negli angoli.

  •  Il lavaggio

Come detto in precedenza il parquet non può permettersi di bagnarsi come ogni altro tipo di materiale. Quindi lavarlo massimo quattro volte all’anno sarà necessario. Non passare uno straccio bagnato, utilizza un panno in microfibra leggermente umido.

Soluzione alternativa per il parquet

Se il pensiero di dover passare solo un panno umido non ti soddifa, c’è una soluzione alternativa per rendere i tuoi pavimenti in legno lucidi.La soluzione è homemade, e puoi crearla in quattro step.

  • Procurati una bottiglia a spruzzo e aggiungi due cucchiai di olio d’oliva
  • Mischia un cucchiaio di aceto bianco
  • In caso vorresti donare un profumo migliore dell’aceto al tuo ambiente potresti aggiungere un olio essenziale di citronella, limone o arancia. (questo passaggio è puramente facoltativo)
  • Termina aggiungendo due tazze di acqua calda, Infine agita bene prima dell’utilizzo. Il panno in microfibra ti aiuterà a distendere al meglio il prodotto.

Il composto è puramente naturale, quindi in caso di secondo utilizzo ricordati di agitarlo bene prima dell’uso perché i composti si potrebbero separare.

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!

Come pulire i vetri di casa

Come pulire i vetri di casa: addio aloni! Ottimi consigli e prodotti fai da te saranno i tuoi alleati.

Come pulire i vetri di casa

Pulire i vetri di casa può sembrare facile, ma una volta che ti metti all’opera capisci che farli risplendere come vorresti risulta un duro lavoro. Per esempio una volta finito il lavoro, con la prima giornata di sole potresti notare dei piccoli particolari che ti sono sfuggiti.

Se fatto adeguatamente però il processo di pulizia può risultare più facile.

Sono disponibili molti prodotti commerciali per la pulizia delle finestre, che promettono di conferire una “lucentezza senza aloni”, oltre a questo esistono rimedi casalinghi. Che tu scelga una soluzione detergente all’aceto acquistata in negozio o fatta in casa, inizia con questi suggerimenti e tecniche su come pulire le finestre dentro e fuori per fare in modo che il lavoro sia soddisfacente e rapido.

Scegli la giornata perfetta

Come pulire i vetri di casa tua? Prima di tutto bisogna sapere che vanno lavati vetri e vetrate almeno una volta al mese, per mantenere una giusta pulizia.

La cosa più importante però è scegliere la giornata perfetta.

Non deve piovere ne devono esserci i raggi solari direzionati verso il vetro. Se possibile quindi scegli una giornata piuttosto nuvolosa.

Poi un’altra accortezza è avere la zona di lavoro il più libera possibile, quindi sposta oggetti o mobili che potrebbero intralciare la pulizia e copri il pavimento con dei fogli di giornale in modo da evitare di bagnarlo o macchiarlo.

Pulire i vetri di casa: soluzioni per l’interno

  •  Secchio, acqua e detergente. Dall’alto verso il basso utilizza un panno in microfibra, non tralasciando gli infissi.
  • Spruzza direttamente un detergente commerciale sulle finestre.
  • Un’altra opzione è mescolare un tappo di ammoniaca con due litri d’acqua, utilizzando un panno o un giornale asciuga completamente con movimenti obliqui.

In caso dovessero rimanere tracce di sporco, passa di nuovo il panno con una quantità generosa di prodotto. Generalmente le finestre hanno bisogno di due passate per essere completamente pulite. 

Ricorda: è meglio lavorare in una giornata nuvolosa in modo che l’acqua e la soluzione per la pulizia dei vetri non si secchino sulle finestre creando ulteriori aloni.

Pulire i vetri di casa: soluzioni per l’esterno

Le finestre esterne in genere hanno più sporco e macchie. Inizia passando uno straccio per togliere la polvere e in seguito risciacquale per togliere il grosso.

  • Riempi un secchio con acqua fresca e pulita e aggiungi qualche goccia di detersivo liquido per piatti. Utilizzando un panno morbido in microfibra, ripassa la superficie della finestra. Per finestre più alte, utilizzare una scopa in spugna.
  •  Spruzza la soluzione di aceto e acqua o con un detergente commerciale. Utilizza un tergipavimento per asciugare tutte le gocce. In alternativa, puoi usare un asciugamano pulito o pagine di giornale per asciugare le finestre.

In caso di sporcizia più ostinata come gli escrementi di uccelli, lasciare la soluzione sul vetro per un paio di minuti e poi agire.Potresti anche strofinare ma non usare pagliette o spugne abrasive per evitare di graffiare il vetro.

Soluzioni casalinghe e economiche

  •  Acqua, aceto distillato e una spugna.

Inumidisci la spugna e passarla sul vetro. Oppure in un flacone spray, mescola il 50% di aceto bianco e il 50% di acqua di rubinetto. In caso di vetri molto sporchi aggiungere un po’ di sapone per piatti.
E per i punti resistenti? Strofina con forza con un panno imbevuto di aceto non diluito.Inoltre se l’odore dell’aceto non è di tuo gradimento, mischia qualche goccia di lavanda.

  •  I quotidiani

Per pulire i vetri di casa, il giornale è meglio di stracci o tovaglioli. Ricorda, anche gli specchi sono solo vetro, quindi tutto questo vale per la pulizia degli specchi in tutta la casa, che si tratti di uno specchio del bagno o di uno specchio a figura intera.

  • Detergenti fai da te

Tutto quello che ti servirà è un sapone ecologico e non inquinante.

Se hai un detergente liquido, sarà necessario solo un cucchiaio in acqua abbondante all’interno di un contenitore spray.

Invece per il sapone solido, basterà togliere qualche scaglia (la quantità di un cucchiaio) e scioglierlo in acqua calda.

Un’ultima alternativa è l’acido citrico. Un cucchiaio in un litro d’acqua e in seguito aggiungere sapone per i piatti.

 

Desideri una impresa di pulizie per il tuo ufficio o ambiente di lavoro? Contatta Eco-ambiente!